Cagliari, svaligiata l’auto dell’artista Alessio Carta Salis: “Strumenti persi e il presunto ladro non può essere punito”

Il 32enne, noto anche per gli stand up comedy, vittima di una “spaccata” in pieno stile, ancora a Pirri: “Addio alla cassa speaker e al flauto regalato da mia mamma, così si uccide un musicista. I carabinieri mi hanno detto che potrebbe trattarsi della stessa persona che ha ripulito altre vetture”. VIDEO DENUNCIA


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il finestrino della sua Volkswagen Polo, parcheggiata sotto casa in via Guglielmo Pepe a Pirri, spaccato, e i suoi strumenti spariti. Alessio Carta Salis, musicista 32enne molto noto anche sui social non solo per la musica ma anche per gli stand up comedy, è l’ennesima vittima di uno o più malviventi specializzati nel ripulire le automobili. “Mi hanno portato via una cassa speaker del valore di almeno 400 euro e un flauto traverso semiprofessionale. Il valore totale degli oggetti supera i tremila euro, il flauto aveva anche un valore affettivo speciale, me l’aveva regalato mia madre”, racconta il giovane artista a Casteddu Online. Più i danni del vetro, in frantumi, dell’automobile, altri soldi pronti a volare via per la riparazione in officina. Il trentaduenne ha già sporto denuncia ai carabinieri: “Posso capire l’istinto di un ladro che vuole cercare di sopravvivere, però non può capire sicuramente il valore affettivo di alcuni strumenti con i quali i musicisti come me ci vivono. Parliamo di vita, per alcuni musicisti lo strumento rubato equivale alla morte, a una vita rovinata”, osserva, ancora molto turbato per il furto subìto.

 

 

L’artista, molto noto non solo in Sardegna, spera che il malvivente o i malviventi si facciano vivi: “Sono stato sciocco io ad avere lasciato in auto alcune attrezzature, ma l’auto era proprio sotto le mie finestre. Non ho sentito rumore, il furto sarà avvenuto non prima delle quattro di notte, come detto ai carabinieri”. E dalla casera è arrivata un’ulteriore doccia gelata: “A Cagliari servirebbero più controlli, le forze dell’ordine mi hanno parlato di un uomo che, a piedi, è andato a rubare nelle vie vicine alle mie. È stato rilasciato, alla fine, perchè non aveva raggiunto il livello di reato sufficiente per una pena reale. Sono rimasto choccato dalle parole dei carabinieri, ma così prevede la legge”.