Cagliari, esibirono striscione per “i caduti di Salò”: assolti

L’accusa: “In una manifestazione pubblica avevano esaltato indirettamente la Repubblica di Salò attraverso manifestazioni esteriori del Fascismo”. Assolti dai giudici 4 esponenti de “La Destra”

Si è concluso con una sentenza di assoluzione con formula piena, “perché il fatto non sussiste”, il processo che ha visto oggi  20 febbraio il suo epilogo presso il Tribunale di Cagliari, contro 4 persone imputate di avere “ in una pubblica riunione esaltato indirettamente la Repubblica di Salo’ , attraverso manifestazioni esteriori del Fascismo, consistite nell’avere esibito uno striscione recante la frase “Onore ai caduti della RSI”.

Il fatto risale al 28 aprile 2013, a Cagliari, durante una cerimonia organizzata per commemorare i Caduti della Repubblica Sociale Italiana. La manifestazione era organizzata dal movimento politico “La Destra” con l’adesione dei gruppi di Riscossa Europea, Forza Nuova e Skinheads.

Nonostante il raduno fosse intitolato proprio alla commemorazione dei Caduti della RSI, la Questura aveva inviato un rapporto alla Procura, dopo avere identificato i presenti, ritenendo che l’ostensione di uno striscione con la semplice frase “Onore ai caduti della RSI”, potesse costituire una violazione della Legge Scelba e della Legge Mancino.

La Procura presso il Tribunale di Cagliari aveva avallato tale impostazione e chiesto il rinvio a giudizio per i quattro che tenevano materialmente lo striscione : Giorgio Usai, difeso dall’avvocato Laura Pirarba, Paolo ed Edoardo Lecis, difesi dall’avvocato Giuseppe Putzu, e Raffaello Porcu, difeso dall’avvocato Gianluca Grosso.

I difensori hanno messo in evidenza come l’accusa fosse insostenibile, chiedendo il proscioglimento dei propri assistiti.

Il Giudice Stefano Muzzu, ha condiviso tale richiesta, mandando assolti tutti gli imputati per insussistenza del fatto. La motivazione sarà depositata entro 90 giorni.

 


In questo articolo: