Cagliari, spunta la tassa di soggiorno: “Balzello agli albergatori”

Il centrodestra denuncia: “Il Comune vuole applicare la tassa di soggiorno, penalizzando i turisti e gli hotel: così si favoriscono le attività ricettive in nero”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Una tassa di soggiorno per i turisti che decideranno di trascorrere una vacanza negli alberghi di Cagliari. Per ora è solo una proposta emersa durante la seduta di oggi della commissione Bilancio, presieduta dal consigliere del Pd Francesco Ballero, e nei prossimi giorni verranno acquisiti i dati relativi ad altri Comuni per capire se e come introdurre la nuova tassazione.

Solo una proposta per ora, ma destinata a sollevare un polverone tra gli albergatori. E non mancano le critiche dell’opposizione. “Si tratta dell’ennesimo autogol di questa banda di dilettanti allo sbaraglio – sottolinea Giuseppe Farris, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale – Questa tassa indebolisce il settore del turismo e favorisce le attività ricettive in nero, perché si traduce in un ulteriore balzello nei confronti degli albergatori. In questo modo si va inevitabilmente a penalizzare chi aspira ad attirare turisti che si trattengano in città, che è quello di cui ha bisogno Cagliari. Ma, paradossalmente, a fronte di questa esigenza l’amministrazione vorrebbe istituire la tassa di soggiorno, che ha come effetto immediato quello di ledere il settore turistico”.


In questo articolo: