Cagliari, sotto il Municipio esplode la rabbia dei senza casa

I manifestanti bloccano il traffico di via Roma: “A Cagliari troppe case senza gente, e troppa gente senza casa”

Sotto il Municipio esplode la rabbia di chi una casa a Cagliari, nel 2015, ancora non ce l’ha. mentre decine di casa restano invendute tra Santa Gilla e Tuvixeddu, sotto il Municipio va in scena la protesta. I manifestanti occupano via Roma, bloccano il traffico: “Troppe case senza gente, troppa gente senza casa”, recita uno degli slogan dell’emergenza abitativa. I manifestanti sono una cinquantina, ma sembrano molti di più fuori dal Palazzo della politica cagliaritana. “Stop emergenza abitativa”, dice uno degli striscioni.

“Siamo obbligati a vivere in una condizione di abusivismo – spiegano le famiglie che questo pomeriggio hanno protestato sotto il Comune – E l’unica risposta a questo disagio sono gli slacci dell’acqua, che rendono la vita insostenibile e non garantiscono una condizione igienica sufficiente: non possiamo accettare che ci vengano negati i nostri bisogni primari e che ci tolgano casa e acqua”. “Troppe case senza gente e troppa gente senza case”, è lo slogan della protesta. “Gli immobili inutilizzati a Cagliari sono tanti – dicono i manifestanti – e sarebbero sufficienti per tutti, ma il Comune e le altre istituzioni preferiscono continuare a eseguire sfratti e sgomberi”. Le richieste rivolte al sindaco sono due: “l’immediata sistemazione delle famiglie sena casa negli alloggi sfitti, e il riallaccio dell’acqua e di tutte le utenze alle famiglie occupanti in attesa di trasferimento in uno degli alloggi stabili della città”. Nella foto scattata in diretta dal nostro fotoreporter Alessandro Congia, potete vedere uno dei momenti di maggiore tensione della manifestazione. Intanti i ragazzi di Sa Domu scrivono su Fb: “Occupata via Roma dopo che la polizia ha spintonato le famiglie occupanti fuori dal municipio. Questa è la risposta del comune all’emergenza casa: polizia.”.

 


In questo articolo: