Cagliari-Sassuolo 1-1, primo tempo negativo poi in dieci il grande orgoglio dei rossoblù di Zenga

Cagliari in dieci per quasi tutto il secondo tempo, ci pensa Joao Pedro: primo tempo inguardabile, poi grande cuore e meritato pareggio rossoblù, beffato De Zerbi

IL CAGLIARI STRAPPA UN PUNTO AL SASSUOLO

di Gigi Garau

Sardi in dieci per quasi tutto il secondo tempo, ci pensa Joao Pedro. Tuttavia un punto guadagnato il pareggio del Cagliari con il Sassuolo alla Sardegna Arena, infatti la partita è stata letteralmente dominata dagli emiliani che hanno condotto le operazioni di gioco dall’inizio alla fine, il Cagliari specialmente nel primo tempo il Cagliari è sembrato smarrito e fuori luogo, specialmente Birsa e Pereiro non hanno mai dato l’impressione di essere in partita. Nel secondo tempo con l’ingresso di Simeone, la squadra di Zenga ha ripreso a impostare qualche azione d’attacco da dove è nata la zampata vincente di Joao Pedro che ha portato la partita in parità, poi l’espulsione del giovane Carboni che ha rimediato ingenuamente due gialli. In inferiorità numerica la squadra di Zenga è riuscita a frenare gli slanci offensivi degli emiliani e in alcune occasioni anche a partire in contropiede, nel recupero è super Cragno a esibirsi in una spettacolare parata che nega la vittoria al Sassuolo. Un grande Rog e un’inesauribile Nandez ha nno dato un grande impulso alla gara, bravo anche Joao Pedro e il solito generoso Simeone, da segnalare la prova confortante dell’esordiente Ladinetti, classe 2000, un ottimo prodotto del vivaio rossoblù.

PREPARTITA La gara dell’andata, giocata il giorno dell’immacolata, ci ricorda uno straordinario pareggio raggiunto con l’ingresso in campo di Daniele Ragatzu che fece una grande partita e realizzò il goal. Tanta acqua è passata sotto i ponti e oggi la squadra di De Zerbi viaggia a gonfie vele occupando l’ottavo posto in classifica con ben sette punti di vantaggio siul Cagliari di Zenga che nelle ultime partite non riesce più a trovare la via del Goal, anzi, gli undici rossoblù hanno dato l’impressione di essere appagati e di avere la testa già in vacanza, continua il giallo Cigarini che anche oggi non figura nell’elenco dei convocati, per l’occasione rientra capitan Ceppitelli, a centrocampo invece aria di turn over con Faragò e Mattiello in campo dal primo minuto, in attacco riposa Simeone per far spazio a Gaston Pereiro, per il resto Cragno in porta, Ceppitelli, Pisacane e Carboni sulla linea difensiva, Rog, Nandez, Birsa, Faragò e Mattiello a centrocampo, in attacco il duo inedito Pereiro – Joao Pedro. De Zerbi, forte del bel gioco e dei risultati conseguiti dalla sua squadra, schiera la seguente formazione: Pegolo tra i pali, Rogerio, Ferrari, Marlon e Muldur in difesa, Traore, Locatelli e Duricic a centrocampo, Boga, Caputo e Haraslin in attacco. Arbitra il Sig. Giovanni Ayroldi di Molfetta, il terreno di gioco è perfetto, la temperatura è di 28°, cielo nuvoloso.

LA GARA Nei primi minuti di gioco è il Sassuolo a fare la partita, con il Cagliari rintanato nella propria metà campo pronto a ripartire in contropiede, al 12’ Sassuolo in vantaggio, calcio d’angolo e Caputo solo solo sul secondo palo insacca di testa. Al 22’ primo cartellino giallo della partita, a farne le spese il giovane Carboni che atterra Haraslin, dopo 25’ di gioco il tema della partita non cambia, Sassuolo pericoloso e Cagliari remissivo. Primo cooling break al 26’, al 29’ giallo anche per Faragò, Airoldi assegna 2’ di recupero, finisce il primo tempo con il Sassuolo in vantaggio e il Cagliari che non ha fatto un tiro in porta, ne dentro lo specchio ne fuori.

SECONDO TEMPO Zenga corre ai ripari e alla ripresa del gioco inserisce Simeone e l’esordiente Ladinetti, proveniente dal vivaio rossoblù, fuori Birsa e Pereiro, sicuramente non proprio i migliori in campo nella prima parte della gara. Al 47’ altra frittata di Carboni, l’inesperienza limita molto questo ragazzo che è davvero molto bravo ma deve fare più tesoro dei propri errori, Cagliari in dieci e sotto di un goal. Al 62’ Joao Pedro pesca il Jolly e coadiuvato da Rog, insacca alle spalle di Rogeiro, la partita torna in parità. Al 67’ è Rog a liberare un gran tiro dal limite con palla non molto fuori dai pali, al 70’ De Zerbi effettua tre cambi, escono Muldur, Haraslin e Traore e entrano Raspadori, Magnani e Trador. al 71’ Giallo anche per Marlon, al 82’ Rog rimedia un’ammonizione dopo un’azione personale travolgente, il centrocampista croato sembra essere indemoniato. Al 85’ ammonito anche Ferrari per il Sassuolo, Al 88’ esce Rog stremato e al suo posto entra Klavan, per De Zerbi altri due cambi, dentro Manzari e Kriakopulos e fuori Duricic e Rogerio. L’arbitro assegna 4 minuti di recupero, Cragno si esibisce in una splendida parata che salva il risultato, poi tutti sotto la doccia con un pareggio che tutto sommato ci sta.


In questo articolo: