Cagliari, rivoluzione a S. Gilla: telecamere in laguna e pista ciclabile da Giorgino a Capoterra

Ok della Città metropolitana al piano di valorizzazione della laguna: in arrivo una pista ciclabile lungo la 195, la videosorveglianza anti cafoni lungo le sponde della laguna e la pulizia del canale della riva est

Pista ciclabile sulla 195. Si potrà andare in bicicletta dal Villaggio dei Pescatori a Capoterra, passando da Sa Illetta. Il progetto è stato approvato dalla Città Metropolitana, nell’ambito del piano di valorizzazione ambientale dell’area umida di Santa Gilla.

Il tratto di percorso ciclopedonale partirà dal Villaggio dei pescatori di Giorgino sino alla zona di Sa Illetta, da qui superato l’incrocio tra la SP92 e la SS195 proseguirà, in affiancamento a quest’ultima strada e, lungo un tracciato in sede propria, al lato destro della carreggiata in direzione Capoterra, sino a circa il termine del tratto a quattro corsie.

Un altro intervento previsto è quello della pulizia delle sponde. L’attività inizierà con l’individuazione delle aree ricche di rifiuti abbandonati e, in base alla classificazione merceologica ed alla pericolosità degli stessi sarà programmata la raccolta e lo smaltimento. Seguirà la realizzazione di un sistema di videosorveglianza dell’intera area perilagunare di Santa Gilla. Tutto per rendere nuovamente fruibili le sponde della laguna eliminando i rifiuti presenti che possono comportare la contaminazione dei suoli e delle acque oltreché deturpare la qualità del paesaggio.

E c’è infine la sistemazione del canale della riva Est. Negli anni ’80 del secolo scorso, per salvaguardare la laguna di Santa Gilla da apporti inquinanti, sono stati realizzati due canali circondariali a marea. Il primo (canale riva Ovest), sito lungo la riva occidentale, ha la funzione di poter raccogliere le acque provenienti dal Rio Mannu e Cixerri e di convogliarle al Porto Industriale. Il secondo (canale riva Est) corre lungo la riva orientale della laguna ed intercetta e raccoglie le acque del Rio Sestu e Fangario. Quest’ultimo sarà sistemato. Il canale riva Est si sviluppa per poco meno di 10 Km lungo la sponda della laguna e sfocia in prossimità del nuovo Molo di Ponente nel porto commerciale di Cagliari.

La Città metropolitana ha ravvisato la necessità di intervenire per risolvere il problema legato all’accumulo dei sedimenti nell’area portuale che sta condizionando, dal punto di vista igienico-sanitario e di fruibilità la nuova darsena pescherecci realizzata dall’Autorità Portuale di Cagliari.