Cagliari, prezzi stellari per un pieno di benzina: verde anche a 1,99 al litro e diesel a 1,85

Meglio andare a piedi, costi mai visti per riempire il serbatoio a Cagliari. Quasi trenta centesimi in più al litro rispetto a un anno fa, quando però c’erano restrizioni e lockdown. Una stangata per i tanti automobilisti

I prezzi della benzina sono in netto aumento, Cagliari non fa purtroppo eccezione. Bisogna ormai svuotare il portafoglio per poter riempire il serbatoio dell’automobile anche nel capoluogo sardo. Le tariffe proposte fanno rabbrividire: la verde a 1,75, prezzo “servito”, vale a dire che non c’è nemmeno bisogno di scendere dalla macchina. Ed è già tanto: c’è pure chi la vende a 1,99. Non va meglio per la diesel, ormai ben sopra l’euro e sessanta centesimi al litro: 1,62, si sale sino a 1,85 tra i benzinai che danno l’opzione del “servito”. I prezzi sono questi, in tutta la città è impossibile trovare un litro di verde a meno di 1,70 euro. A marzo 2021, per capirci, bastavano un euro e 53 centesimi. Ma c’è una differenza: tredici mesi e mezzo fa la situazione legata al Covid era ancora più che precaria: c’era il coprifuoco, lockdown e restrizioni erano ancora la quotidianità, o quasi, per tutte le città, e lo smart working la faceva, quasi, da padrone.
Un anno dopo, con molte più persone in giro, utilizzare l’automobile sembra esser diventato un lusso. Le associazioni dei consumatori hanno stimato che si tratta di un aumento mai visto negli ultimi dieci anni. Dal canto loro, i gestori dei distributori subiscono i prezzi imposti dalle società private. E, chi può, preferisce spostarsi a piedi o con i mezzi pubblici.


In questo articolo: