Cagliari pedonale:presto tutti a piedi in via Alghero e piazza Palazzo

Il Comune disegna le nuove strade senz’auto, e non mancano le sorprese


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Migliorare e aumentare le strade pedonali in città.  Questo é l’obiettivo del Comune di Cagliari, in linea con il Piano urbano della mobilità, anche alla luce di questi ultimi due giorni in cui, per via dell’arrivo del Papa, molte strade sono state liberate dalle auto. Ampliare l’area pedonale del quartiere Marina, istituire zone e vie pedonali a Castello, per esempio piazza Palazzo, via La Marmora, via Santa Croce, sono alcuni degli interventi previsti in una mozione  messa nero su bianco dal presidente della commissione Trasporti, Guido Portoghese. Ma anche la pedonalizzazione del Corso Vittorio Emanuele, e della zona di Stampace Alto.

“Si tratta di interventi – spiega Guido Portoghese – che saranno comunicati per tempo alla cittadinanza, e saranno accompagnati da una serie di azioni: individuazione di parcheggi alternativi per i residenti, collegamento con il trasporto pubblico, individuazione di fasce orarie per carico scarico. Ma anche la presenza delle forze dell’ordine per garantire la sicurezza, e la pulizia e il decoro delle strade”.

Altro obiettivo é il miglioramento della sicurezza dei pedoni, con il sanzionamento della sosta selvaggia sui marciapiedi, e in corrispondenza degli attraversamenti pedonali. Interventi di traffic calming, e l’istituzione di Zone 30. Ma soprattutto la manutenzione e l’ampliamento dei marciapiedi, e l’eliminazione delle barriere architettoniche. Secondo Michele Vacca dell’Associazione motociclisti italiani “per garantire una  maggiore sicurezza ai pedoni il Comune dovrebbe posizionare meno pali nei marciapiedi, e non puntate sui segnalatori luminosi negli attraversamenti pedonali, perché spesso distraggono il conducente dell’auto”.

Tra gli obiettivi anche l’estensione del progetto “A Peis” ad altri plessi scolastici, e l’istituzione di vie a pedonalità privilegiata, come per esempio via Alghero. ” In queste strade – aggiunge Portoghese – verranno ampliati i marciapiedi, e realizzato un arredo urbano tale da creare un ambiente favorevole al pedone, dove l’automobilista sarà quasi un intruso. Ovviamente le aree di sosta verranno recuperate realizzando dei parcheggi nelle vie adiacenti”.


In questo articolo: