Cagliari, i pastori assediano via Roma: “Dateci i soldi o ci saranno centomila nuovi disoccupati”

Bollette e prezzi alle stelle, in 500 protestano e lanciano l’ultimo sos alla politica: “Produzione del latte a rischio, campi deserti l’anno prossimo e tantissime famiglie sul lastrico: c’è un buco di centinaia di milioni”. GUARDATE il VIDEO


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

I pastori sardi bloccano e assediano via Roma. In cinquecento, almeno, hanno lasciato campi, mungitrici e pecore per protestare a Cagliari davanti al Consiglio regionale. Nel mirino ci sono le centinaia di milioni di euro spariti dopo un primo ok dell’Europa. “Rischiano di avere, in poco tempo, almeno centomila nuovi disoccupati tra allevatori, agricoltori e tutto l’indotto”, spiega Gianuario Falchi, uno dei leader della protesta. “Non siamo assistiti, sbaglia chi fa passare questo messaggio. Sono fondi che ci spettano, previsti perché siamo un’Isola. Se continua così lavoreremo solo per pagare le bollette e non per vivere serenamente e continuare a sfamare le nostre famiglie. Mancano 23 milioni all’anno, la Regione può trovare i fondi o con una variazione di bilancio o uno spostamento della cifra dal Feas”.
Allevatori, ma non solo. Anche i produttori di suini sono disperati: “Impossibile andare avanti, regna l’incertezza. Se le bollette sono triplicate qualcuno dovrà spiegarci come fare a continuare a lavorare. Tra pochi mesi tante aziende, anche la mia, saranno costrette a fermarsi”.


In questo articolo: