Cagliari, “ospedale Marino temporaneamente Covid per tenere ‘liberi’ Brotzu e Aou”

L’ospedale con vista sul Poetto potrebbe diventare Covid Hospital “a tempo”. Lo scenario prospettato da Ats è legato alla conversione del Binaghi

Una “conversione temporanea” dell’ospedale Marino di Cagliari a Covid Hospital. Il motivo? La conversione dello stesso ospedale Binaghi, già deputato a diventare il nuovo Covid Hospital del capoluogo sardo. Un’operazione che presenta vantaggi ma anche svantaggi: “Nelle more della realizzazione dei posti letto dell’ospedale Binaghi, al fine di abbattere i rischi di contaminazione dei due Dea dell’area metropolitana di Cagliari, si considera l’opportunità di conversione temporanea dell’ospedale Marino in Covid”, così si legge in una delle slide proiettate durante la conferenza stampa della Regione e mostrata nel corso dell’intervento del numero uno dell’Ats Massimo Temussi. Così facendo, “Brotzu e Aou Cagliari” restererebbero “Covid Free, con l’utilizzo dei due pronto soccorso che fungono da Hub per tutta l’area metropolitana di Cagliari”.

 

Una previsione-scenario tutta da confermare. Ieri, a Casteddu Online, l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu ha dichiarato che “speriamo di aprire in una settimana” il Binaghi come ospedale Covid. Se i tempi saranno rispettati o se non ci saranno lunghe attese, quella del Marino ospedale Covid può restare solo un’ipotesi.


In questo articolo: