Cagliari, nel campo largo “minato” del Zedda Ter la spunta Benucci: è lui il presidente del Consiglio

L’esponente del Pd, il più votato del centrosinistra, la spunta su Matteo Massa dei Progressisti dopo tre ore infuocate, tra riunioni e qualche urla. Il sindaco Massimo Zedda dovrà sicuramente pensare a come far durare l’equilibrio in un campo, quello del centrosinistra, che sembra essere molto ma molto largo, forse più di quanto si aspettava


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

È Marco Benucci, Pd, mister preferenze di tutto il centrosinistra con 1208 voti, il presidente del Consiglio. Dopo la prima chiama (con i voti della maggioranza tutti per lui e gli 11 dell’opposizione per Corrado Maxia) al secondo turno passa in modalità carro armato: 33 sì e una sola scheda bianca. Muore prima ancora di nascere l’ipotesi di Matteo Massa dei Progressisti alla guida dell’Aula, ma un segnale politico chiaro è stato comunque lanciato, e il destinatario principale è il sindaco Massimo Zedda. Quasi tre ore di bagarre, con una riunione fiume infuocata con addirittura qualche consigliere e consigliera comunale arrivato a sgolarsi nell’invitare a “chiudere la porta” della saletta Vivanet, pur di non fare trapelare i malumori nel centrosinistra, alla prima uscita ufficiale non sono certo un bel biglietto da visita. Passa la linea del Pd, con i Progressisti costretti, alla fine, a dover ingoiare un boccone amaro: sino a venerdì sera l’accordo era dato da tutti per sicuro, poi lo scenario è cambiato radicalmente. Se sia solo un inciampo casuale in un campo che improvvisamente più che largo sembra “minato” o se fatti simili possano diventare una costante del Zedda ter solo il tempo potrà dirlo.  E proprio su questi malumori l’opposizione, con Alessandra Zedda e Giuseppe Farris, potrebbe cavalcare facilmente più di un’onda favorevole.

 

 

 

Nella seduta che ha visto anche la nomina dei nuovi assessori (QUI tutti i nomi) sono stati anche scelti, sempre tramite voto segreto, i due vicepresidenti del Consiglio: per il centrosinistra Marzia Cilloccu (vicaria) e per il centrodestra Corrado Maxia.