Cagliari, migrante-eroe salva una donna sul cornicione del Bastione

L’ha vista oltre le barriere in plexiglass, seduta con le gambe nel vuoto, e le si è avvicinato: “Cosa fai?”. Ha iniziato a parlare con la donna sino all’intervento dei poliziotti, che l’hanno portata al sicuro: “Il giovane ha compiuto un gesto importante”

Stava passeggiando sulla terrazza panoramica del Bastione di Saint Remy quando la sua attenzione è stata attirata da una donna che si trovava con le gambe penzoloni nel vuoto, seduta sul cornicione oltre il parapetto, nel lato di viale Regina Elena. Il fatto è avvenuto due sere fa. Il ragazzo non ci ha pensato due volte, e l’ha raggiunta. “Che cosa fai?”, le ha chiesto. E da lì è nata una chiacchierata ai limiti del “surreale” – vista la condizione nella quale stava avvenendo – che ha però permesso agli agenti di una pattuglia della squadra volante di Cagliari, coordinati dal dirigente Massimo Imbimbo, di raggiungere il posto nel giro di pochi minuti. “I miei uomini hanno raggiunto la donna e sono riusciti a riportarla al sicuro, oltre il parapetto in plexiglass. Poi è stata portata all’ospedale”, spiega Imbimbo.

E un plauso va sicuramente al giovane africano che ha parlato con la donna per tutto il tempo necessario all’arrivo dei poliziotti: “Il suo contributo è stato importante”.


In questo articolo: