Cagliari, maxi screening in 16 palestre e al terminal crociere: caccia al virus e alle varianti

Il progetto “Sardi e sicuri” sbarca nel capoluogo sardo il primo weekend di marzo. Decine di palestre scolastiche utilizzate per lo screening, Truzzu: “Ci aspettiamo almeno 80mila persone”. Ecco l’elenco delle strutture. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Il progetto “Sardi e sicuri” sbarca a Cagliari. Il prossimo weekend, sabato sei e domenica sette marzo, dalle 8:30 alle 13 e dalle 14 alle 18, sarà possibile sottoporsi al test nelle palestre e al terminal crociere del molo Icnhusa. Ecco l’elenco delle palestre delle scuole: a Mulinu Becciu alla scuola Alziator, a San Michele alla Ugo Foscolo, a Pirri nella scuola primaria di via Toti, nella scuola secondaria di via Sant’Isidoro e nella scuola primaria di via dei Partigiani, a Genneruxi alla scuola media Ugo Foscolo di viale Marconi, alla scuola primaria di via Machiavelli e alla scuola primaria di via Garavetti. Ancora: al Pacinotti in via Liguria, alla secondaria di via Venezia, alla scuola primaria di via del Sole, alla scuola primaria Nanny Loi di via Schiavazzi, all’Alfieri di via De Gioannis, alla scuola secondaria di via Piceno, alla De Amicis di via Falzarego e alla San Michele-Mameli di via Redipuglia. Oltre, naturalmente, al terminal al molo Icnhusa. 
“Faccio un appello affinché tutti possano partecipare allo screening”, afferma il sindaco Paolo Truzzu. “È importante perché da 40 giorni abbiamo riaperto le scuole superiori, potremo fare una verifica sulla reale circolazione del virus individuando tutti gli asintomatici e perché sappiamo che anche nell’Isola è arrivata la variante inglese”. Maurizio Marcias, responsabile della cabina di regia dell’Ats, spiega che “ci aspettiamo circa 80mila persone. Tutti dovranno avere la tessera sanitaria, faremo tamponi antigenici e, per tutti i positivi, ci sarà anche il tampone molecolare”. I cittadini dovranno presentarsi nella palestra più vicina alla propria abitazione. 


In questo articolo: