Cagliari, lavori finiti in via Peretti: pronti i due attraversamenti rialzati che salvano la vita agli studenti

Finalmente, dopo mesi di attesa e appelli da più parti dopo i tanti gravissimi investimenti, compreso quello costato la vita a un 15enne, le strisce pedonali rialzate sono in funzione. Come potete vedere dalle immagini, la velocità delle auto è notevolmente ridotta, in una delle strade dove più si correva in auto. Potate pure le siepi per favorire maggiore visibilità, e c’è chi è pronto a chiedere anche l’installazione di semafori.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Le strisce pedonali rialzate nel tratto cagliaritano di via Peretti sono finalmente pronte. Dopo mesi di appelli e battaglie, gli attraversamenti salvavita garantiscono una nuova viabilità a una delle strade più trafficate e pericolose di Cagliari, dove il rettilineo e l’assenza di semafori ha da sempre spinto gli automobilisti a correre, con conseguenze spesso drammatiche, come a gennaio quando il 15enne fu investito e ucciso, episodio seguito da altri tre, con conseguenze gravissime, tutti nel medesimo tratto cagliaritano di strada, che si innesta con quello nel territorio di Selargius dove invece i lavori anti velocità sono da tempo stati portati a termine. Il tratto cagliaritano di via Peretti era una vera e propria bomba a orologeria: nessun controllo, zero deterrenti alla folle velocità, siepi non potate che occultavano completamente la vista. Il tutto, unito all’incoscienza di chi spingeva sull’acceleratore, incurante del fatto che nel giro di qualche centinaio di metri lì ci sono un liceo classico e scientifico, il mc donald frequentatissimo dai ragazzi e le fermate degli autobus degli studenti che arrivano da altri quartieri.
Adesso, come potete vedere dalle immagini, la situazione è nettamente migliorata. Le auto sono costrette a rallentare, le siepi sono state tagliate e la visibilità è decisamente più ampia. Eppure c’è chi si lamenta proprio per i rallentamenti, inevitabili, dovuti a quelle strisce rialzate. Lamentele che trovano poca sponda: un gruppo di cittadini residenti in zona già pronto a chiedere l’installazione di semafori per garantire ancora più sicurezza ai pedoni.


In questo articolo: