Cagliari, la rabbia dei lavoratori Brico: “Vogliono chiudere a Pirri e lasciarci senza futuro”

L’azienda famosa per il bricolage pronta ad abbassare le serrande nella Città Mercato di Pirri, i 19 dipendenti: “Abbiamo figli e mutui da pagare, non vogliamo andare fuori dalla Sardegna o prendere delle liquidazioni. Sarà lotta”. GUARDATE le VIDEO INTERVISTE

I diciannove lavoratori del Brico di Pirri sono sul piede di guerra. Dopo l’annuncio fatto dall’azienda del chiusura del punto vendita il prossimo primo marzo, la disperazione di chi da anni lavora per vendere attrezzi per la casa e per il fai da te è già al culmine. E, da oggi, scatta il presidio permanente. I dipendenti, a turno, incroceranno le braccia e si dicono pronti anche a imbastire “scioperi improvvisi nei momenti di maggior afflusso della clientela”. L’obbiettivo dell’iniziativa, stando a quanto comunica il sindacato Usb, è doppio: “Vogliamo sensibilizzare i clienti e far uscire allo scoperto la Brico”. Attualmente, l’azienda avrebbe dato due opzioni ai lavoratori: liquidazione o trasferimento, da valutare, in altri punti vendita nel resto dell’Italia. Thtti scenari che hanno già ricevuto il netto “no” di commessi e cassieri del punto vendita pirrese. Federico Angius, sindacalista Usb, è netto: “Vogliamo che l’azienda trovi una soluzione, magari quella del reintegro di tutti i lavoratori in un possibile futuro gruppo che arriverà nella galleria. Il motivo della chiusura è legato a questi presunti lavori di ristrutturazione della Città Mercato, lo stato d’animo dei dipendenti Brico è funereo. Resteremo qui tutti i giorni, siamo pronti a dare battaglia”.
E loro, i lavoratori e lavoratrici della Brico, incrociano le dita. C’è chi lavora da undici anni con un contratto a tempo indeterminato che gli consente di sfamare il figlio e pagare il mutuo per la casa, e l’idea di fare le valigie per partire oltre Tirreno lo spaventa, così come chi, a 50 anni, in caso di licenziamento non saprebbe dove andare a bussare. Le loro storie si possono leggere nel corso delle prossime ore sul nostro sito www.castedduonline.it

In questo articolo: