Cagliari, l’area cani del Poetto avvolta dal degrado: “Nessuna pulizia della sabbia e recinzioni allo sfascio”

Da fiore all’occhiello a pezzo di spiaggia sempre più malandato. La denuncia dei padroni dei cani: “Mancano anche i cestini, possiamo solo contare su una busta donata dalla stessa De Vizia che, però, non pulisce più”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

I tempi d’oro dei primissimi anni sono ormai un lontano e triste ricordo. L’area cani del Poetto di Cagliari versa in condizioni pietose. Pulizia del tratto di arenile dove corrono i migliori amici dell’uomo? “Assente”. Cestini per i rifiuti e le deiezioni? “Assenti”. Recinzioni e cancelletti? “Vecchi, rattoppati ma ormai allo sfascio”. A fare da portavoce del malcontento di tanti padroni di cani è Delia Cucca: “Dopo un inizio virtuoso in cui l’arenile veniva pulito, da molti anni e purtroppo anche questa stagione, si è arrivati all’assurdo che i mezzi della De Vizia hanno una specifica indicazione di saltare il tratto riservato ai cani, come ci è stato confermato dallo stesso personale”, racconta. “La pulizia sabbia è lasciata al senso civico degli utenti, ma poco possiamo fare per le recinzioni e i cancelletti di ingresso, nonostante i rattoppi sono ormai allo sfascio”.

 

 

 

La lista delle lamentele prosegue: “Non ci sono contenitori dei rifiuti per le deiezioni ma solo una busta in uno dei due ingressi, messa a disposizione dalla De Vizia. In caso contrario”, prosegue la donna, “saremmo costretti a uscire per buttare via i sacchetti. Si tratta di una spiaggia presente sulle guide e frequentata dai turisti, ed è imbarazzante rispondere quando ci chiedono conto delle condizioni in cui versa una struttura piccola ma preziosa. Basterebbe poca manutenzione per ridarle decoro e merita, da parte del Comune, un po’ di riflessione e qualche piccola azione in più”.