Cagliari, la denuncia: “Una crescente discarica di rifiuti di ogni genere in viale Monastir”

Cagliari, il Grig denuncia la presenza di una crescente discarica di rifiuti di ogni genere in viale Monastir. L’associazione ecologista ha inoltrato un’istanza di bonifica ambientale al Comune di Cagliari e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Cagliari, il Grig denuncia la presenza di una crescente discarica di rifiuti di ogni genere in viale Monastir.

“Niente da fare.

Per pigrizia, per negligenza, per tirchierìa, per cialtronaggine innata o per chissà quale altro malsano motivo troppe bestie bipedi riempiono le periferie delle nostre città e dei nostri paesi di cumuli di rifiuti sempre crescenti, così come sono sempre crescenti le spese che devono affrontare per la bonifica i Comuni, cioè la collettività dei cittadini-contribuenti.

Oltre al danno ambientale e sanitario, anche il danno economico, grazie a troppi cafoni.

A pochi passi dal Viale Monastir, all’ingresso di Cagliari, un viottolo è diventato una vera e propria discarica abusiva di rifiuti di ogni genere.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) ha inoltrato un’istanza di bonifica ambientale al Comune di Cagliari e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

Infatti, l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo, nel suolo, nelle acque superficiali e sotterranee sono vietati dall’art. 192 del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i. (Codice dell’ambiente): il sindaco competente dispone con ordinanza a carico del trasgressore in solido con il proprietario e con il titolare di diritti reali o personali sull’area la rimozione dei rifiuti ed il ripristino ambientale. Trascorso infruttuosamente il termine assegnato, provvede d’ufficio l’amministrazione comunale in danno degli obbligati.

Il GrIG, oltre alla richiesta di bonifica ambientale, ha segnalato l’opportunità di installazione di sistemi di videosorveglianza, così da rendere immortali le coraggiose imprese di chi inquina”.


In questo articolo: