Cagliari, la denuncia choc: “Passeggero lasciato fuori dal bus perché è nero”

L’episodio raccontato da una passeggera sarebbe avvenuto alla fermata della linea 9 del Ctm di San Michele: “L’autista si è accorto del ragazzo che correva per non perdere l’autobus e ha accelerato, questo è razzismo”. Aperta un’inchiesta da parte dell’azienda

Si è messo a correre per non perdere il pullman ma l’autista, anziché rallentare, avrebbe accelerato. Un episodio dal “sapore” razzista, quello raccontato da una passeggera che si trovava, domenica scorsa, a bordo del bus 9 del Ctm. Daniela D., sessantenne residente a Cagliari, ha prima pubblicato un lungo post su Facebook e poi ha anche scritto all’azienda di trasporti per segnalare il fatto. “Domenica pomeriggio, presso il quartiere di San Michele, un ragazzo di colore, in attesa alla fermata, è stato lasciato a piedi dall’autista, gli ha chiuso letteralmente le porte in faccia. Il ragazzo ha iniziato una corsa forsennata per raggiungere la fermata successiva, ma l’autista ha accelerato. Si è fermato per far salire i passeggeri”, dice la passeggera. E il ragazzo di colore, sempre stando al suo racconto, si sarebbe trovato “le porte destinate alla salita chiuse in faccia. Lui ha cominciato a battere sulla porta per farsi aprire, ho gridato all’autista di aprire”, ma tuttavia “neanche un cenno, è ripartito lasciando il ragazzo a piedi per la seconda volta”. La sessantenne è sicura: “Tiriamo fuori l’umanità e ribelliamoci”, perché è “un episodio di razzismo fastidioso e irritante”. 
Questo il racconto della donna, che ha anche inviato un messaggio di reclamo al Ctm “alle 18:48, quando ero ancora sul pullman”. E l’azienda è intenzionata a verificare per bene la veridicità del racconto e, nel caso, prendere provvedimenti: “La segnalazione è arrivata domenica sera, la nostra risposta è stata immediata. Controlleremo e svolgeremo tutte le verifiche necessarie, siamo da sempre contrari a qualunque forma di discriminazione, tutti i passeggeri sono uguali e tutti hanno il diritto di usufruire dei mezzi pubblici”.

In questo articolo: