A Cagliari impazza il Carnevale: bruciato Cancioffali, tutti in attesa della pentolaccia

Re Cancioffali “messo al rogo”, come da tradizione, nel cuore di Stampace, poi zeppole per tutti in piazza Yebbe. Il Carnevale cagliaritano prosegue a tamburo battente, gran finale domenica anche al Villaggio Pescatori

Di Paolo Rapeanu

Il rogo di Re Cancioffali avvolge tutto il rione storico di Stampace di un fumo abbastanza denso, con le fiamme che illuminano a giorno l’area del campetto sterrato e, sullo sfondo, la chiesa di Sant’Anna. Una grande folla di cagliaritani festeggia il Martedì Grasso, con la maxi sfilata da piazza Giovanni XXIII fino a via Santa Margherita. E, quando del Re restano solo le ceneri, tutti a festeggiare in piazza Yenne, con tantissime zeppole per tutti. Presente anche l’assessora comunale al Turismo, Marzia Cilloccu: “È una grande festa di tutta la città, siamo riusciti a organizzare un Carnevale molto apprezzato e all’insegna della tradizione, grazie anche all’impegno costante profuso dalle varie organizzazioni presenti”.
Ma gli ultimi fuochi del Carnevale casteddaio devono ancora essere accesi: l’appuntamento è per domenica diciotto febbraio, è il turno della pentolaccia. A Stampace, in via Azuni, in programma la Vespiglia. E, per la prima volta in assoluto maschere, coriandoli e stelle filanti sono pronte ad animare anche il Villaggio Pescatori, dalle 17.


In questo articolo: