Cagliari, il Tar riapre i distributori automatici di bibite: “Sono come le rivendite di generi alimentari”

Sospesa l’ordinanza del sindaco Paolo Truzzu che aveva chiuso i distributori h 24 per fronteggiare l’emergenza covid e evitare assembramenti: ora potranno aprire durante il giorno, ma dovranno tenere le serrande giù la notte e i festivi

Sono come rivendite di generi alimentari. E così il Tar, sospende l’ordinanza del sindaco Paolo Truzzu e riapre i distributori automatici di bibite: non più chiusi h 24, ma aperti durante il giorni e con le serrande abbassate solo la notte e i festivi. La decisione è del tribunale di via Sassari: i distributori automatici di bibite sono stati considerati rivendite di generi alimentari. E il Tar, sempre in linea con la finalità di limitare al massimo le occasioni di spostamento della cittadinanza, ritiene che l’ordine di chiusura dei distributori automatici “h24” debba essere applicato con gli stessi limiti temporali stabiliti per le rivendite alimentari (chiusura non oltre le ore 21 e apertura nei soli giorni feriali).
Resta dunque vietata l’apertura (e il conseguente accesso al pubblico) solo dalle ore 21 alle ore 8 della mattina successiva (oltre che nei giorni festivi). I giudici amministrativi ritengono poi “sussistente il danno grave lamentato dalla ricorrente, che dall’attività di cui è causa trae l’unica fonte di sostentamento del legale rappresentante della società e della propria famiglia” e sospendono dunque, in parte, l’ordinanza, in attesa della camera di consiglio prevista per il 6 maggio.

In questo articolo: