Cagliari, il disperato appello del panettiere senzatetto Roberto: “Una casa? Certo che la voglio”

Roberto Medas, 54enne di Dolianova, è il senzatetto che da anni “vive” sul marciapiede di via Dante insieme al suo inseparabile cane: “Il Comune conosce la mia situazione, non è vero che voglio stare qui. Mi avevano messo in una struttura, ma io voglio vivere da solo”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Roberto Medas, 54 anni, di Dolianova. Professione – meglio, ex professione -: “panettiere. Ho girato, sono stato a Firenze, Roma, Porto Torres, Sassari, Golfo Aranci, Villasimius, ho lavorato anche a Cagliari, non sono sempre stato in strada”. Già, ma come ci è finito? “Sono successe tante cose nella mia vita, non l’ho comunque scelto io”. Qualche giorno fa, l’assessore comunale alle Politiche sociali del Comune di Cagliari, aveva affermato che “non riusciamo a mandare via il clochard, è aggressivo e spesso in stato di ebbrezza e noi non possiamo costringerlo e nemmeno agire con la forza”. Ma il 54enne, da canto suo, fornisce un’altra versione: “Mi hanno portato in una struttura, ma io non voglio stare in mezzo ad altre gente, voglio un posto mio, un monolocale per poter vivere insieme al mio cane”, dice, indicando il quattrozampe che gli fa “compagnia” da anni.
“Vivo di elemosina, sinora il Comune non mi ha proposto nulla”, spiega Medas, riferendosi alla sua richiesta di un tetto sotto il quale poter vivere. “Ormai faccio appelli quasi tutti i giorni, ma nessuno risponde. La vita in strada è dura. Certo, un po’ ci si diverte perchè si conosce gente, ma è comunque dura, dura, dura”.

In questo articolo: