Cagliari, il Binaghi è Covid hospital: “Pronti per un’eventuale terza ondata”

Eccolo, il terzo ospedale Covid del capoluogo sardo. 41 posti subito disponibili, si potrà arrivare a centoquaranta: tutti i dettagli

Il Binaghi è ufficialmente il terzo ospedale Covid attivato a Cagliari, dopo il Santissima Trinità e il Marino. Quarantuno posti subito disponibili, si potrà arrivare a centoquaranta letti, tredici già quelli pronti per la terapia intensiva. Un obbiettivo raggiunto entro il 2020, quello del taglio del nastro, parziale, del Binaghi: “Un obbiettivo raggiunto, non è stato semplicissimo”, afferma l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu. Siamo riusciti a terminare i lavori. Siamo sempre sul chi va là, questo virus ci ha insegnato che può avere delle recrudescenze e dei picchi, la famosa terza ondata non dovrà coglierci impreparati e il Binaghi, in questa strategia, è un punto cardine”, osserva Nieddu. Il secondo piano è già attrezzato, il commissario straordinario dell’Ats Massimo Temussi precisa che “i posti saranno attivi dal due gennaio”.

 

Felice e soddisfatto anche il presidente della Regione, Christian Solinas: “Stiamo dando attuazione al piano che ci eravamo dati e lo stiamo facendo in anticipo, e con un numero maggiore di posti. Per questo ringrazio l’Ats e tutto il personale medico e ingegneristico che si è impegnato per realizzare questo importante obbiettivo”.


In questo articolo: