Cagliari, i gestori della casa colpita dalla bomba carta: “Stavano cercando qualcun altro”

Antonello Floris è il fratello di Piero, il ristoratore 66enne proprietario dell’appartamento popolare preso di mira dagli attentatori in via Bacaredda: “Andiamo d’accordo con tutti, io e mia moglie siamo persone pulite. Avranno sbagliato persona, non abbiamo paura di niente e nessuno”. I danni sono ingenti. La VIDEO INTERVISTA


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La potenza della bomba carta piazzata sul davanzale dell’unica finestra dell’appartamento di Piero Floris, ristoratore 66enne residente in Galles da tempo, è pari all’incredulità e allo sconcerto del fratello Antonello che, insieme alla moglie Patrizia, gestiscono quell’appartamento in una delle palazzine popolari di via Bacaredda a Cagliari. I danni provocati dall’esplosione sono ingenti: vetri, mobili e porte distrutte dalle schegge dell’ordigno, in una notte che difficilmente i tanti residenti della strada dimenticheranno: “Ma noi non abbiamo mai ricevuto nessuna intimidazione, andiamo d’accordo con tutti”. Lo dice con un tono di voce granitico Antonello Floris. Al momento dell’attentato la casa era vuota, lui e la moglie Patrizia vivono a Pirri e lì, in quei metri quadri devastati dalla bomba carta, ci passano di frequente “per innaffiare i fiori e controllare l’appartamento”. Lo dice in maniera abbastanza sicura, il fratello del ristoratore: “Penso sia uno sbaglio, stavano cercando qualcun altro. Mio fratello manca dall’Isola da 50 anni e quando ritorna, ogni tre mesi, viene in questa casa solo per non andare in hotel”. I danni sono tanti, “qualche migliaia di euro di sicuro, siamo assicurati ma l’assicurazione non coprirà tutte le spese”. Ma l’aspetto economico è solo l’ultimo dei problemi, in questo momento.
“Siamo caduti dalle nuvole. Non ho paura di niente e di nessuno, sono una persona ‘pulita’, faccio l’operaio e non ho mai avuto problemi con la giustizia, di nessun genere. L’ho detto anche ai carabinieri, non so proprio a cosa pensare. Uno sbaglio di persona, penso, io e mia moglie andiamo d’accordo con tutti”, rimarca Floris, “abbiamo una vita tranquilla”. La bomba carta ha colpito e danneggiato, di rimbalzo, anche l’automobile di Marisa Depau, ex consigliera comunale: “L’ho parcheggiata nel posto sbagliato. Cosa penso? Che qualcuno ce l’abbia con qualcun altro. Non so se abbiano sbagliato finestra”. E Antonello Floris interviene subito: “Avranno sbagliato cercando gente, l’ordigno era molto potente”. Le indagini dei carabinieri vanno avanti, l’obbiettivo è risalire agli autori dell’attentato. Nell’area coinvolta dall’esplosione non ci sono telecamere.  


In questo articolo: