Cagliari, gli studenti in trincea: “Vogliamo un reddito studentesco”

Troppi costi che spesso costringono a rinunciare agli studi

Troppi costi che spesso costringono a rinunciare agli studi. A ottobre riprende la mobilitazione degli studenti, che chiedono un reddito studentesco necessario per sostenere le spese. L’appuntamento è per il 10 ottobre a Cagliari, per una manifestazione organizzata dall’Unione degli studenti.

“Questo autunno torneremo in piazza contro il Governo e contro la sua retorica priva di sostanza – dichiara il coordinatore regionale Giacomo Cossu – Rivendicheremo le riforme davvero importanti che il premier Renzi non vuole affrontare, a cominciare dall’abbattimento dei costi legati all’accesso agli studi. Abbiamo già presentato mesi fa all’Assessore regionale all’Istruzione Claudia Firino una proposta di reddito studentesco che abbatterebbe il tasso di dispersione scolastica: aspettiamo una risposta concreta”.

“Quest’anno gli studenti parteciperanno anche alle lotte che riguardano il nostro territorio: dalle servitù militari alla campagna per un reddito minimo garantito, saremo in prima linea insieme agli altri movimenti sociali – aggiunge Cossu – A tal fine saremo presenti all’assemblea di Furia Rossa il 31 agosto e all’assemblea contro le servitù militari del 13 settembre a Capo Frasca”.


In questo articolo: