Cagliari, fiumi di liquami e scantinati invasi d’acqua: “Sant’Elia peggio di una favela”

Un “mare puzzolente” in via Schiavazzi, tra fogne esplose e tubi spaccati che riversano tantissima acqua dentro e fuori i palazzi popolari. I residenti esasperati: “Tra un po’ dovremmo prendere i canotti per spostarci, l’acqua stava per arrivare dentro gli ascensori”. GUARDATE il VIDEO

Doppia emergenza in via Schiavazzi, nel cuore del rione popolare cagliaritano di Sant’Elia. Gran parte della strada è totalmente invasa dai liquami delle fogne: il tombino è bello che saltato e tutta l’acqua sporca si riversa ovunque. Una situazione da sos, quella che lanciano vari abitanti di quattro palazzi. E c’è di più: il tubo che porta l’acqua ai rubinetti degli appartamenti, al piano terra, è esploso. Tantissima acqua potabile, quindi, sprecata e che sommerge gli scantinati delle abitazioni popolari.
“Una situazione oscena, saremo costretti a utilizzare dei canotti per spostarci”, racconta Silvia D., una delle residenti, “le fognature sono esplose da tempo, serve un’urgente operazione di spurgo, ma sono giorni che non si vede nessuno. Altro che Europa, qui si sta peggio che in una favela del Brasile. Alcune automobili sono finite con le ruote dentro i tombini”.