Cagliari, fermato per controllo fornisce false generalità con un documento rubato: arrestato 28enne marocchino

I fatti accertati dagli agenti sono stati sottoposti alla valutazione del G.I.P. che ha concesso il nulla osta all’espulsione dal territorio nazionale.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La polizia ha arrestato in flagranza un uomo di 28 anni per l’ipotesi di reato di falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri.

Nella tarda serata di domenica un equipaggio della Squadra Volante, in via Roma, ha fermato per un controllo un cittadino straniero. L’uomo ha mostrato agli agenti una carta di identità elettronica intestata ad un cittadino egiziano nato nel 2008, declinando le proprie generalità così come riportate nel documento. I poliziotti, da un’attenta verifica della fotografia, hanno notato la discrepanza dei connotati con la persona fermata. Da ulteriori approfondimenti, il documento è risultato essere stato smarrito dall’effettivo titolare, giorni addietro, in un comune dell’hinterland.

Addosso all’uomo gli agenti hanno trovato anche un coltello a serramanico, delle forbici da potare e un tirapugni, mentre all’interno della borsa è stato rinvenuto un tablet, vari telefoni cellulari nonché ulteriori documenti di identità intestate a terze persone e carte di credito il tutto, presumibilmente, di provenienza illecita e per i quali sono in corso accertamenti.

L’uomo originario del Marocco è stato accompagnato presso gli uffici della Polizia Scientifica e sottoposto ai rilievi fotodattiloscopici il cui esito ha confermato le false generalità perché l’uomo, già gravato da precedenti di polizia, era stato identificato già dal 2011.

I fatti accertati dagli agenti della Polizia di Stato sono stati sottoposti alla valutazione del G.I.P. che, nell’udienza di ieri mattina, ha convalidato l’arresto, senza applicare nessuna misura e concedendo il nulla osta all’espulsione dal territorio nazionale.


In questo articolo: