Cagliari, Fdi a Truzzu: “Via le scritte dai monumenti e sgomberare le scuole occupate”

Anedda al sindaco: “Vogliamo capire come intende risolvere i problemi del porta a a porta Perché l’isola ecologica non può essere l’unico rimedio. Come abbiamo detto in campagna elettorale dobbiamo occuparci del decoro della città”

Restituire il decoro al capoluogo, levando i rifiuti dalle strade, rimuovendo le scritte dai monumenti e sgomberando le scuole occupate: forse un riferimento al centro sociale di Sa Domu. Questi i contenuti dell’intervento di Enrica Anedda, Fdi, in commissione Bilancio (che oggi ha eletto presidente il consigliere Alessandro Balletto Fi) rivolto al sindaco Paolo Truzzu.

L’opposizione ha letto tra le righe qualche critica della Anedda (che qualche giorno fa ha espresso pubblicamente malcontento per la mancata nomina nell’esecutivo) per questi primi mesi di governo della città. Ma l’interessata smentisce categoricamente. “Ho solo chiesto al primo cittadino lumi sulle modifiche da apportare per porre fine alle disfunzioni della raccolta porta a porta, perché quelli proposti fino ad ora mi sembrano degli accorgimenti del momento, non un intervento globale”, dichiara la Anedda, “vogliamo capire, anche rispetto ai vincoli che il contratto pone, quali strade si possono percorrere per risolvere i problemi. Perché l’isola ecologica non può essere l’unico rimedio. In linea con la campagna elettorale”, aggiunge, “dobbiamo occuparci del decoro della città, delle mura dei monumenti d ripulire e dell’occupazione abusiva delle scuole. Tutte cose da correggere al più presto”.


In questo articolo: