Cagliari, evadono il fisco per 40mila euro: la Finanza li scopre con lo “spesometro”

Nei guai col fisco una cooperativa operante nel settore delle pulizie

Hanno evaso il Fisco per quasi  40 mila euro, nel mirino della fiamme gialle di Cagliari, è finita una cooperativa operante nel settore pulizie dell’Hinterland.  Non hanno infatti presentato le dichiarazioni fiscali negli anni d’imposta 2014 e 2015, risultando quindi evasori totali. Le attività ispettive sono state avviate sulla scorta di una segnalazione elaborata a livello centrale all’esito di un’analisi effettuata su una platea di contribuenti, la cui posizione, censita nelle diverse banche dati del Corpo, presentava indici anomali.

Pertanto i Finanzieri hanno proceduto alla ricostruzione induttiva dei ricavi della cooperativa incrociando le risultanze delle banche dati. In particolare è stato utilizzato il cosiddetto spesometro, database in cui sono contenuti tutti i dati relativi alle fatture emesse e ricevute da ogni contribuente titolare di partita I.V.A., con il quale sono state riscontrate le informazioni acquisite dai clienti della società sottoposta a controllo.

 Questo strumento operativo si è rivelato, ancora una volta, di rilevante e specifica utilità: difatti, è stato possibile constatare e raffrontare il volume d’affari dichiarato dal contribuente rispetto all’importo delle operazioni commerciali comunicate, all’interno di questa banca dati, dai propri clienti, con la possibilità, quindi, di verificare se una prestazione di servizio per la quale è stato ricevuto un compenso, fosse stata correttamente inserita nella dichiarazione dei redditi.

 

L’operazione si inquadra in un più ampio quadro di intensificazione delle attività di polizia economica – finanziaria disposte dal Comando Provinciale di Cagliari a tutela degli interessi della collettività che è condizione indispensabile per il raggiungimento dell’equità sociale e conferma l’impegno quotidiano delle fiamme gialle nel territorio a tutela della legalità sotto ogni veste.