Cagliari è la più ricca della Sardegna: è l’unica provincia che supera 20mila euro di reddito a testa

Nel 2023, in Sardegna sono stati spesi oltre 1 miliardo e mezzo di euro in beni durevoli (1 miliardo e 583 milioni di euro), il 5,7% in più rispetto al 2022


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Cagliari è la provincia sarda con il reddito pro-capite più elevato della regione, come emerge dai dati dell’Osservatorio Findomestic: 23.603 euro l’anno (+5,2% sul 2022), che ne fanno l’unica provincia della regione sopra quota 20.000 euro. Nel corso del 2023, i cagliaritani hanno speso 480 milioni di euro in beni durevoli, +6,5% rispetto all’anno precedente (2.381 euro a famiglia). Sono stati impiegati 102 milioni di euro per auto nuove, con un aumento del 13,8%, mentre per quelle usate la spesa è cresciuta del 14,2%, arrivando a 165 milioni di euro. Anche i motoveicoli hanno visto una robusta crescita del 25,1%, sopra la media nazionale (+24,7%) con un importo di 15 milioni di euro. Nel panorama dei beni per la casa l’unica crescita riguarda gli elettrodomestici: +1,8% a 33 milioni di euro. Sono contenute le perdite nei mobili, -1,3% a 94 milioni, e nella telefonia, -0,1% a 48 milioni. Calano di più gli acquisti in information technology, da 13 a 12 milioni (-11,4%) e in elettronica di consumo (da 15 milioni del 2022 ai 10 del ’23, -29,5%).

 

Nel 2023, in Sardegna sono stati spesi oltre 1 miliardo e mezzo di euro in beni durevoli (1 miliardo e 583 milioni di euro), il 5,7% in più rispetto al 2022. Secondo quanto rilevato dall’Osservatorio Findomestic (Gruppo BNP) in collaborazione con Prometeia, l’incremento è stato trainato dal comparto mobilità con un picco del +26,6% nelle due ruote (42 milioni di euro dai 33 del 2022) che risulta il settimo più alto di tutta Italia. “In Sardegna – commenta Claudio Bardazzi, Responsabile Osservatorio Findomestic – la spesa risulta in aumento del 14,6% per le auto usate (537 milioni di euro) e del 12,7% per le auto nuove (287 milioni). Sono in crescita nel 2023 anche gli elettrodomestici (1,8% a 126 milioni), mentre tutte le altre voci risultano in calo. Solo il dato della telefonia (-0,5%) è meno sfavorevole rispetto alla media italiana: i mobili perdono l’1,3% e prosegue il ridimensionamento della spesa per elettronica di consumo (-30%) e information technology (-9,6%)”.

 

La spesa famigliare in beni durevoli è aumentata del 5,7% in Sardegna: 15esimo posto in Italia per media a nucleo cioè 2.128 euro. A livello provinciale la crescita più sostenuta è stata a Oristano (+7%), che è anche l’unica provincia della Sardegna sotto quota 2.000 euro per famiglia. La prima è Cagliari con 2.381 euro per nucleo. Per quanto riguarda la spesa complessiva in beni durevoli, sono più contenuti gli incrementi nelle province di Sud Sardegna (+4,3%, 304 milioni) e Nuoro (+3,9%, 194 milioni), mentre nelle altre tre province le variazioni sono comprese fra il 6,3% e il 6,5%.

 


In questo articolo: