Cagliari, dopo le feste restano i rifiuti in strada: via Salaris coperta di spazzatura

La denuncia dei commercianti. Il caso in consiglio comunale. Marcello: “Truzzu è riuscito a fare una cosa: non c’è più differenza tra quartieri delle periferie e quelli del centro: sono tutti uguali, sono tutti sporchi”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Non solo le zone periferiche. Dopo le feste in città restano i rifiuti nelle strade. I commercianti della zona in un video hanno ripreso via Salaris insudiciata dalla spazzatura abbandonata. “Non fa differenza tra quartieri di Cagliari”, lamenta fabrizio Marcello, capogruppo Pd in consiglio comunale, “da Sant’Avendrace, Is Mirrionis, San Michele, Mulinu Becciu, fino al centro di Cagliari, questa è la via Salaris. Il primo cittadino continua a sostenere “Cagliari con me città pulita, in 4 anni del mio mandato le tasse sulla Tari sono diminuite. Invece la narrazione è diversa.
Secondo i dati citati dall’esponente dell’opposizione Cagliari risulta essere una delle più care, addirittura arriva a quota 395 euro. A Milano si pagano invece 338 euro; a Venezia e a Palermo 332; a Torino per 331; a Roma 314 euro; a Bologna 228 euro, a Firenze.
Le tasse sulla Tari: 2020 46 milioni 394 mila 103, 2023 48 milioni 67 mila 463 (aumento di un milione e 673 mila 360. “Invece la città è sporca. Povera Cagliari”, conclude, “Truzzu è riuscito a fare una cosa: non c’è più differenza tra quartieri delle periferie e quelli del centro: sono tutti uguali, sono tutti sporchi”.


In questo articolo: