Cagliari, lotta al degrado in piazza Carmine: dopo l’infopoint arriva il mercato dei fiori e delle erbe

L’idea è della giunta Truzzu che punta a rilanciare la piazza di Stampace afflitta da bivacchi di sbandati gruppi di spacciatori. Spazio anche a bancarella di frutta e verdura

Via al mercatino dei fiori e delle erbe in piazza del Carmine. E’ la novità sulla sperimentazione dei mercatini approvata dalla giunta Truzzu che prosegue nell’attività di riqualificazione della piazza di Stampace basso, dove da tempo gravitano sbandati e gruppi di spacciatori. Già previsto il nuovo infopoint turistico nel palazzo Binaghi-Pizzorno (noto palazzo Caide) ora arriva anche il mercato di fiori, erbe, frutta e verdura.

I mercatini. Alcuni dei siti proposti dalla giunta Zedda come sperimentali sono stati archiviati. Piazza San Giacomo si è rivelato non idonea a sostenere l’organizzazione di un mercatino tematico, viale Regina Margherita e piazza Garibaldi non sono mai stati oggetto di interesse alla realizzazione di mercatini. Mentre piazza San Bartolomeo è stato richiesto da un operatore che si è poi ritirato senza mai dare avvio al mercatino tematico.

Hanno suscitato interesse piazza Carlo Alberto, il Bastione di Sait Remy, piazza del Carmine e piazza Giovanni XXIII che hanno visto la realizzazione di mercatini tematici.

Questi saranno tutti riconfermati. La novità principale è in piazza del Carmine dove sarà riproposto l’avviso per la sperimentazione della realizzazione, nei venerdì mattina, fatta eccezione per il mese di dicembre quando la piazza dovrà ospitare il mercatino natalizio, di un mercato di natura generalista, con prevalenza di fiori, della frutta, delle verdure e delle erbe in genere ma nel quale sia contemplata anche la possibilità di proporre postazioni per la vendita di altri prodotti come quelli dell’artigianato locale.