Cagliari, commercianti in agonia: “Dimenticati dalla Regione”

Nessun finanziamento per il 2015, appello dei commercianti di Cagliari alla Regione: “Perché le risorse vengono stanziate solo per gli altri settori economici?”

Commercio cittadino sempre più in agonia, tra negozi che chiudono, uccisi dalla crisi, e finanziamenti che non arrivano più. “Neanche un euro da parte della Regione – denuncia Franco Fozzi, commerciante di via Garibaldi e presidente del Consorzio Insieme – Mentre la scorsa Giunta stanziava 10 milioni di euro a livello regionale, erogati con il regime de minimis: circa 100 mila euro che per ogni attività rapprenstava una boccata d’ossigeno”.

Regione assente. “Non chiediamo molto – continua Fozzi – Ma dei finanziamenti a tasso zero, dei piccoli aiuti anche da restituire che ci consentano di ammodernare e migliorare  le nostre attività. In primis aggiornare gli impianti elettrici, ma anche creare delle piattaforme che ci consentano di andare a passo con i tempi e poter vendere sul web, e mettere in pratica operazioni di marketing utili per raggiungere i clienti di tutta l’isola. E poi, soprattutto per i commercianti della futura via Garibaldi pedonale, c’è la necessità di cambiare le proprie attività in base alle nuove esigenze. Ma per fare questo ci sono delle spese da sostenere e l’impossibilità di ricorrere alle banche: la Regione deve fare la sua parte con un sostegno economico esattamente come fa con le altre categorie. Esistiamo anche noi, con gli stessi diritti”. In dirittura d’arrivo i lavori di restyling in via Garibaldi: “speriamo siano conclusi tra un mese, almeno potremo organizzare qualche evento per lo shopping natalizio e rivitalizzare il centro cittadino”.