Cagliari, centro invaso dai rifiuti: “A San Benedetto marciapiedi appestati da spazzatura, escrementi e volantini”

Cestini strabordanti e mai svuotati, bisognini dei cani lasciati a marcire sotto il sole cocente e, a contorno, depliant pubblicitari. I pagamenti della Tari sono già arrivati, cittadini furiosi: “San Benedetto è un rione abbandonato, nel rione abitano molti anziani che si muovono con i bastoni e devono fare percorsi difficili”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Le bollette della Tari sono arrivate già da tempo, nelle cassette postali dei cagliaritani. La pulizia delle strade, invece, lascia ancora a desiderare, non solo in periferia ma anche in centro. Cestini strabordanti e svuotati dopo lunghe attese, bisognini dei cani lasciati a marcire sotto il sole cocente e, a contorno, depliant pubblicitari. Succede a San Benedetto, come testimoniano le fotografie spedite, alla nostra redazione, da una residente. Francesca Gallus, armata di smartphone, tanta pazienza e, probabilmente, anche una doppia mascherina per non farsi travolgere dalla puzza, ha realizzato un reportage decisamente horror. Ecco, di seguito, l’email che ci ha spedito.

 

“Vorrei segnalarvi il caso di San Benedetto, quartiere completamente abbandonato dal servizio di pulizia della città.  Numerosi padroni di cani, con buona volontà,  depositano sacchetti di escrementi, come offerte all’altare del cestino rigurgitante spazzatura. Non è  certo colpa dei cittadini se il vento sparge la spazzatura o i volantini sul selciato o i gabbiani aprono le buste dell’umido, e la sporcizia resta, per giorni e giorni, ad appestare i marciapiedi. Nel quartiere abitano persone molto anziane, diverse si muovono con deambulatori o bastoni d’appoggio.  Devono fare percorsi difficili, per loro, solo a causa dell’abbandono in cui versa il quartiere. La galleria di foto che vi inoltro parte dai primi di giugno e rappresenta la situazione in diversi giorni, feriali, e a diverse ore”.


In questo articolo: