Cagliari, cassonetti e strade stracolmi di rifiuti a San Benedetto: il porta a porta inizia tra la puzza

Da piazza Michelangelo alle strade attorno a piazza Giovanni, da via Foscolo a via Salaris. Cassonetti presi d’assalto a poche ore dall’addio definitivo, fioccano puzza e polemiche

Gli operai della De Vizia hanno iniziato con quelli gialli (cartone) e per quelli “classici” grigi bisognerà attendere le prossime ore. L’arrivo del porta a porta a San Benedetto è stato vissuto, da molti, come l’occasione per disfarsi di tantissima spazzatura, usufruendo per l’ultima volta dei cassonetti. Risultato? Puzza insopportabile in molte strade e sacchetti dell’immondizia che traboccano dai contenitori e finiscono per terra. Le mosche “fanno festa” in piazza Michelangelo e nei pressi di piazza Giovanni: proprio nei cassonetti davanti ai portici di via Pontano c’è chi si è disfatto di chili e chili di plastica, mettendoli però nel cassonetto sbagliato.

Ancora: in via Pintor un televisore mezzo rotto è in bella mostra tra cartoni del latte e buste piene di rifiuti spaccate a metà. Tra le situazioni più critiche c’è da registrare quella di via Foscolo, con i rifiuti che, nelle prime ore della mattina, ricoprivano metà marciapiede. Entro l’11 aprile spariranno i cassonetti blu (plastica) grigi (indifferenziata) e quelli più piccoli di colore marrone (destinati all’umido). Tra chi protesta ci sono soprattutto i negozianti: più d’uno si lamenta di non aver ancora saputo, dal Comune, in quali orari potrà liberarsi dei rifiuti.


In questo articolo: