A Cagliari le carrozze per turisti trainate da cavalli, esplode la polemica: “Truzzu non farlo”

In discussione il regolamento sui trasporti atipici che prevede le carrozze trainate da animali. Ma dopo la morte del cavallo a Caserta l’opposizione protesta: “Il sindaco rifletta. Animali costretti a trainare anche diversi quintali in mezzo alle auto e spesso in strade in salita, soprattutto in estate anche con temperature molto alte”

Tornano le carrozze turistiche trainate da cavalli a Cagliari. Ma dopo l’episodio della Reggia di Caserta che ha fatto il giro d’Italia. Quello del cavallo stroncato da un malore probabilmente per il caldo e la fatica, l’opposizione torna alla carica contro il provvedimento. “Spero che questo ennesimo episodio faccia riflettere il Sindaco di Cagliari e la sua maggioranza”, dichiara Fabrizio Marcello, consigliere comunale Pd, “a Caserta l’ennesimo cavallo che trasporta turisti stramazza a terra e muore. Il comune di Cagliari vorrebbe inserire il trasporto con animale nel regolamento comunale dei servizi di trasporto atipici”.

All’articolo 6 del Regolamento sui servizi di trasporto atipici non di linea, intitolato “Abilitazione dell’animale”, la cui bozza è in discussione nella commissione comunale Mobilità, si legge che “per esercitare l’attività di trasporto pubblico con vettura a trazione animale, è necessario che l’animale sia dotato di un certificato di abilitazione al lavoro. Tale abilitazione sarà rilasciata dal Servizio veterinario dell’ASL, che provvederà alla redazione e tenuta dell’anagrafe degli animali abilitati alla trazione di carrozze. L’avvenuta iscrizione all’anagrafe degli animali è attestata da apposito contrassegno inamovibile applicato dal veterinario sull’animale. Il titolare dell’attività di trasporto con vettura a trazione animale dovrà rinnovare annualmente il certificato di abilitazione dell’animale al traino prima della sua scadenza, presso il Servizio veterinario competente. Il titolare dell’attività, in occasione della prima visita di abilitazione dell’animale, dovrà comunicare al Servizio veterinario il nominativo del medico veterinario curante; dovrà parimenti essere comunicata, entro 30 giorni, ogni variazione del nominativo”.

In commissione la consigliera Francesca Mulas ha chiesto di vietare la carrozza trainata da cavalli, definita “un mezzo anacronistico, antieconomico e soprattutto irrispettoso della dignità degli animali: i cavalli sono costretti a trainare anche diversi quintali in mezzo alle auto e spesso in strade in salita, soprattutto in estate anche con temperature molto alte”, due consiglieri del Psd’AZ e uno di Fdi si sono opposti e hanno dichiarato che non voteranno la proposta della consigliera perché a favore della carrozza turistica.

Mentre su Facebook l’assessore alla Cultura Paola Piroddi, commentando la notizia del cavallo morto a Caserta ha commentato: “Mi chiedo, ma è possibile che ci siano degli imbecilli che arrivano a questo? Povere creature”. Il documento tornerà a settembre in commissione per il voto.


In questo articolo: