Cagliari, calci e pugni per riavere indietro i soldi per una prestazione sessuale: 2 persone in ospedale

Cagliari, calci e pugni per riavere indietro i soldi di una prestazione sessuale: 2 persone in ospedale.

Cagliari, calci e pugni per riavere indietro i soldi di una prestazione sessuale: 2 persone in ospedale.

Stanotte a Cagliari i carabinieri della Stazione di Stampace, al termine di un intervento su strada e dei successivi accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà per tentata rapina un trentasettenne marocchino, residente a Quartu Sant’Elena, disoccupato e con precedenti.
I militari sono intervenuti intorno alle 3:40, insieme ad una pattuglia di colleghi della Stazione di Assemini, nel Corso Vittorio Emanuele II, dove poco prima l’uomo, all’interno di un’abitazione privata, aveva aggredito con calci e pugni una cinquantenne sudamericana, al fine di rientrare in possesso della somma di 100 euro, precedentemente consegnata alla donna per una prestazione sessuale. Sul posto è intervenuta su richiesta dei militari un’ambulanza del 118 che ha trasportato la straniera in codice giallo al pronto soccorso dell’Ospedale Brotzu. Durante lo sviluppo della vicenda il marocchino ha accusato anch’egli un malore ed è stato pertanto trasportato in codice bianco presso il pronto soccorso dell’Ospedale Santissima Trinità, per i dovuti accertamenti. Non è stato arrestato in quanto rintracciato fuori dalla flagranza di reato.


In questo articolo: