Cagliari, beffa per gli Oss al Ss. Trinità: “Pochi e utilizzati come campanelli umani”

Gli Operatori socio sanitari dell’ospedale di Is Mirrionis? “Lavorano in condizioni assurde, sballottati da un reparto all’altro. La Regione prima fa i corsi ma poi non assume tante persone capaci, è una beffa”

di Paolo Rapeanu

Da un reparto all’altro, per svolgere i servizi previsti, ma “sotto organico”. Gli Oss in attività nell’ospedale cagliaritano Santissima Trinità? Ci sono, ma “dovrebbero essere molti di più”. A denunciarlo è la Fials, con il suo segretario provinciale Paolo Cugliara. “Sono ragazzi e ragazze volenterosi e preparatissimi, ma sono in pochi e fanno di tutto. In alcuni casi vengono pure utilizzati come campanelli umani, quando quelli in dotazione ai pazienti si guastano. Se questo è rispetto per i lavoratori, siamo oltre le comiche” attacca Cugliara.

Il sindacalista striglia, ancora una volta, i piani alti: “C’è la sanità sempre più maltrattata dall’attuale classe dirigente. I corsi per gli Oss sono stati regolarmente svolti dalla Regione, ma a cosa servono se poi non li viene data la possibilità di lavorare all’interno degli ospedali? Siamo oltre l’assurdo”.


In questo articolo: