Cagliari, api e vespe sfrattate dal cimitero di Bonaria

Ora i visitatori potranno girare nuovamente in tranquillità per omaggiare i propri cari estinti.

Le cose vanno dette per quel che sono, e perché adesso stanno così: al cimitero monumentale di Bonaria, dopo il nostro fotoservizio che dava notizia tombe prese d’assalto dalle api e dalle vespe, c’è chi – per conto del Comune di Cagliari – ha avviato una disinfestazione ad hoc. Addio agli imenotteri, dunque, che avevano costruito i loro nidi proprio all’interno delle tombe accanto alle quali sono anche spariti, in appena due giorni dal nostro articolo, anche i cartelli di avviso: “Attenzione, si pregano i gentili utenti di fare attenzione alle vespe”. 

Ora, nei buchi che l’incuria del tempo e dell’uomo ha regalato ad alcune delle tombe monumentali, non passa inosservato del silicone. Uno stratagemma efficace per imprigionare e impedire alle api e alle vespe di popolare un luogo di pace, nel quale si è conclusa una profonda disinfestazione. Da oggi, nel cimitero vecchio di Cagliari, i visitatori potranno girare nuovamente in tranquillità per offrire un omaggio o una preghiera ai nostri cari estinti. 

 


In questo articolo: