Cagliari, via gli ambulanti abusivi: mercatino di piazza San Michele sgomberato dopo una rissa

L’intervento della polizia municipale dopo una rissa scoppiata alle sei del mattino. Via tutti gli ambulanti: cagliaritani, senegalesi, cinesi e nomadi. Loro protestano: “Domani torniamo lì. Dobbiamo dare da mangiare ai nostri figli e non abbiamo alternative”

Fatale una rissa alle sei del mattino. Prima una discussione per la postazione degenerata in violento scontro fisico. Poi il blitz della polizia municipale che stamattina ha sgomberato il mercatino abusivo che si snoda tra piazza Is Maglias, via Is Maglias e sul marciapiede di piazza San Michele. Sono una trentina in tutto gli ambulanti che stamattina hanno dovuto rinunciare alla giornata: cagliaritani, ma anche africani, cinesi e nomadi che si sono trasferiti tra piazza Is Maglias, via Is Maglias e sul marciapiede di piazza San Michele dopo la riqualificazione di piazza San Michele.

Vendono abbigliamento usato, cianfrusaglie, vecchi dischi, libri usati, ma anche frutta e verdura e trovano clienti tra gli abitanti di San Michele e Is Mirrionis. Nulla nel corso dei blitz è stato sequestrato è stato portato via. Nessun ambulante è stato identificato e nessuna multa è scattata. Solo qualche protesta, ma gli ambulanti non ci stanno e domani torneranno nuovamente a vendere: “Dobbiamo dare da mangiare ai nostri figli”, dichiara un ambulante che si trincera dietro l’anonimato, “come facciamo altrimenti? Chiediamo al sindaco che ci metta in regola e ci dia un posto dove stare”.

Gli agenti della polizia municipale effettueranno nuovi controlli.

en.ne.