Cagliari, al Brotzu zero Oss nei turni notturni: “Infermieri costretti a fare salti mortali per lavare e vestire i pazienti”

Gli operatori socio sanitari “scompaiono” al calar del buio dal più grosso ospedale sardo. I rinforzi attesi da anni non sono mai arrivati: “I malati hanno bisogno di aiuto per l’igiene personale, gli spostamenti o l’accompagnamento ai servizi. Tutte azioni che non spettano agli infermieri, laureati, che devono occuparsi di altro. La Regione assuma subito nuovi Oss”. VIDEO INTERVISTE


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

L’assistenza di base, dall’andare in bagno all’igiene personale, da uno spostamento da un reparto all’altro o da una stanza all’altra in caso di visite o esami, la notte, al Brotzu? La garantiscono, anche se non dovrebbero, gli infermieri. Gli Oss non sono così tanti per poter restare anche da quando scompare il sole sino all’alba, troppo pochi quelli assunti per garantire piena copertura in tutti i reparti. E gli infermieri, forti della laurea e di competenze nettamente superiori in tasca, protestano per l’ennesima volta: “Dopo 20 anni non si fanno assunzioni solo per risparmiare del vile denaro, ecco perchè non abbiamo operatori socio sanitari nei turni notturni”, attacca Diego Murracino del Nursing Up. “Tutto ciò è degradante, senza gli Oss il paziente deve anche attendere di essere aiutato ed è naturale che si arrabbi, ma la rabbia si ripercuote sempre e solamente sugli infermieri, professionisti laureati, che non hanno nessuna colpa”. Le cronache giornalistiche raccontano, in passato, anche di urla e aggressioni da parte di parenti di malati, esasperati per l’attesa dopo una richiesta di aiuto.
“La carenza degli Oss non è più sopportabile”, rimarca Marino Vargiu, infermiere. “Per noi professionisti, il doverci occupare di alcuni aspetti legati ai pazienti significa avere una distrazione continua dalle attività per le quali siamo stati assunti. Ogni malato deve avere l’assistenza garantita, per la quale paga le tasse, non poterla garantire crea molto sconforto e non è normale. Ricordo che un domani, all’ospedale, potrebbe finirci un nostro caro. La Regione deve rivedere subito tutto il sistema e assumere Oss”.


In questo articolo: