Cagliari, aeroporto ceduto ai privati: arrivo il no delle imprese del Sud Sardegna

Confesercenti contraria alla cessione delle quote di partecipazione della Società di gestione dello scalo di Elmas al Fondo di investimento F2I. Marco Medda: “Ci hanno negato troppe informazioni. E il futuro di un bene strategico ed essenziale non può essere deciso al buio”. Pesano anche le perplessità dell’Anac


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Aeroporto di Elmas al fondo privato: c’è il no di Confesercenti Sud Sardegna. Troppi pochi sono stati i chiarimenti per un atto bollato come “storico” e ancora tanti dubbi sull’operazione destinata a cambiare per sempre la storia dello scalo aeroportuale cagliaritano. Spiccano soprattutto le perplessità sollevate dell’Enac che consentono la cessione delle quote in assenza di gara e con trattativa privata soltanto in casi eccezionali.

Alla luce dell’imminente convocazione del Consiglio camerale che, forse, esaminerà all’eventuale conferimento delle quote di partecipazione della Società di gestione dell’Aeroporto di Cagliari Elmas al Fondo di investimento F2I, la Confesercenti Provinciale di Cagliari ha chiesto una serie di informazioni “che, purtroppo fino a oggi sono rimaste solamente nelle disposizioni della Giunta Camerale”, si legge in un comunicato firmato da Marco Medda, presidente di Confesercenti.

I consiglieri camerali, che esprimono la rappresentanza di quelle imprese che per diversi anni hanno pagato con la maggiorazione del 20% sull’aggio camerale la nascita e lo sviluppo dell’aeroporto di Elmas, rivendicano “il diritto di essere informati riguardo alla decisione più importante nella storia della Camera di Commercio di Cagliari, relativamente alle vicende legate alla nuova costituzione della Holding degli aeroporti sardi, nella quale la Camera di Commercio deterrebbe una quota minoritaria del 40%”.

Purtroppo però denunciano che “il deficit informativo e di confronto” e chiedono tutta una serie di chiarimenti: conoscendo il valore delle società di gestione degli aeroporti di Alghero e Olbia, quale è il valore della società di gestione dell’aeroporto di Cagliari? Quali i patti parasociali atti a proteggere la quota di minoranza dell’aeroporto di Cagliari? Quali le protezioni per la quota di minoranza nel momento in cui scadranno i patti parasociali (che secondo la normativa vigente hanno durata pari a cinque anni)? Vista l’importanza storica dell’operazione, perché non è stato coinvolto il Consiglio camerale in modo più compiuto, magari con la creazione di una commissione ad hoc? Quale è il piano degli investimenti e di sviluppo dell’aeroporto di Cagliari?

C’è poi la risposta dell’Anac al quesito camerale in merito alla correttezza dell’operazione. “Giova ricordare”, sottolinea Medda, “che, preliminarmente Anac evidenzia la necessità di una gara pubblica e, solo in via subordinata e straordinaria, consente la trattativa privata nei casi di “infungibilità” e di “eccezionalità”, previa adeguata motivazione nella determina a contrarre. Per quanto riguarda l’eccezionalità chiediamo anche quale sia “analiticamente l’atto della convenienza economica dell’operazione, con particolare riferimento alla congruità del prezzo di vendita”.

Aggiunge poi che “data l’assoluta importanza di questo autorevole parere, ci sentiamo di raccomandare a tutti gli interessati di prenderne visione accuratamente, in special modo per i tanti che ancora non lo avessero fatto”.

Così Confesercenti Provinciale di Cagliari, “in mancanza di queste necessarie informazioni esprime un parere contrario a che si ponga in essere una fusione così importante e impattante per il mondo delle imprese della nostra Provincia. Si tratta”, aggiunge, “di un capitale strategico ed essenziale per poter essere deciso “al buio” sul suo futuro e chiediamo quindi con forza che le imprese, per il tramite delle proprie rappresentanze, vengano informate adeguatamente, promuovendo tavoli di confronto, ricordando sempre che le aziende iscritte alla Camera di Commercio sono state le prime e principali finanziatrici della società di gestione dell’Aeroporto di Cagliari e, a buon titolo, si possono considerare le vere azioniste”.


In questo articolo: