Cagliari, addio auto fiammante: “I pezzi di ricambio, spesso pericolosi? Comprati dallo sfasciacarrozze”

I cagliaritani vanno al risparmio quando si tratta di riparare l’automobile. Spinterogeni, leve del cambio e pure portiere comprate dal ferrovecchio e portate nelle officine: “I pezzi usati spesso sono difettosi, molti non acquistano quello nuovo e poi vanno in giro con l’auto guasta”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA a Maurizio Fadda, storico elettrauto cagliaritano

Il mercato delle automobili tira il freno a mano in tutta Italia, vuoi per la crisi o vuoi per qualunque altro motivo. E il freno a mano, così come portiere, leve del cambio e spinterogeni non vanno più nemmeno nelle officine meccaniche. Meglio, vanno: ma usati. I pezzi nuovi di zecca rimangono chiusi dentro le scatole, e c’è il business degli sfasciacarrozze. Molti cagliaritani si rivolgono a loro per comprare questo o quel pezzo per l’auto, e solo dopo vanno da meccanici e elettrauti. Maurizio Fadda, 43 anni, da decenni dirige un’autofficina in via Trentino: “Si va molto sull’usato, la gente cerca il risparmio. Tra i danni più frequenti ci sono quelli all’impianto elettrico, in quel caso non posso fare un preventivo prima di aver visto bene l’impianto”, racconta, “solo dopo chiamo in deposito e chiedo quanto costa il materiale, e sulla manodopera cerco sempre di ammortizzare i costi”. Naturale, per chi deve portare il pane a casa col proprio lavoro.
Però, c’è un però, proprio legato al mondo dell’usato: “Tantissimi clienti mi portano il pezzo nuovo”, ma che nuovo non è “perché arriva dagli sfasciacarrozze. Spesso il materiale è difettoso, e il lavoro diventa doppio. Non sappiamo mai la provenienza del pezzo, e se noto che è rotto non lo monto perché non voglio assumermi queste responsabilità”, racconta Fadda. Risultato? “In tanti vanno via e guidano un’automobile che non è perfetta, e c’è quindi un rischio legato alla sicurezza. Poi ritornato dopo due mesi, magari per sostituire una lampadina, e sento che la vettura ha ancora quel rumore legato al guasto e alla riparazione che non c’è stata”.


In questo articolo: