Cagliari, a Santa Gilla arriva Conad: “Centro commerciale chiuso per almeno 40 giorni”

La prima storica Città Mercato di Cagliari si prepara ad accogliere Conad: “Supermercato più piccolo rispetto ad Auchan, serviranno almeno quaranta giorni di lavori”. Ecco quando inizieranno

Gli operai stanno per entrare nella prima storica Città Mercato di Cagliari, e non per fare acquisti. C’è da modificare totalmente l’ipermercato attualmente occupato da Auchan e che, nelle prossime settimane, passerà a Conad. E c’è già una data, praticamente ufficiale, di inizio lavori: “Contiamo di iniziare tra il quindici e il venti gennaio e di concludere entro quaranta giorni”, spiega Michele Orlandi, direttore rete Conad. Il progetto prevede uno spazio dedicato alla vendita molto più piccolo rispetto a quello attuale gestito dall’azienda col logo a forma di uccellino. È probabile che scompaia il reparto dedicato agli elettrodomestici, e che ha portato più di un rumors sul possibile “affiancamento” di Trony, con Decathlon pronta a entrare nei metri quadri del primo piano. Rumors poi smentiti dallo stesso Orlandi, doveroso ricordarlo. Quindi, per almeno un mese e mezzo il centro commerciale scomparirà, mentre resteranno aperti i tanti negozi della galleria. Difficile fare previsioni sugli incassi: molti cagliaritani e sardi vanno alla Città Mercato proprio per acquistare carne, pesce, pane e fare scorte di acqua e aranciate. La presenza di negozi di abbigliamento, tech e ottica è sempre stata vista, da una parte della clientela, come un qualcosa “in più”. Insomma: se servono un paio di occhiali nuovi o una giacca per l’inverno, dopo aver riempito il carrello di cibo e libri c’è la possibilità di acquistare anche questi altri oggetti. Ma, di contro, c’è anche chi arriva sino a Santa Gilla proprio per acquistare un paio di scarpe o uno smartphone e non mette nemmeno piede dentro il supermercato.

 

I lavori a Santa Gilla, inoltre, finiranno un paio di mesi prima degli altri lavori, previsti a Pirri. Lì, però, è in vista un maxi ampliamento della struttura, e diventerà la Città Mercato più grande di tutta la Sardegna.

 

 


In questo articolo: