“Caduto in una buca a Quartu, ginocchio dolorante: da 8 ore attendo di essere visitato a Monserrato”

La denuncia di Alessio Congia, titolare della pizzeria Troll: “Caduto con lo scooter, nessuna ambulanza disponibile. Ho guidato con una possibile frattura alla gamba sino al Brotzu, ma era strapieno. Ora sono al Policlinico, mi hanno solo dato una carrozzina: ho chiesto un antidolorifico e mi è stato negato”

Un altro caso di caos nella sanità sarda. Da otto ore Alessio Congia, titolare della pizzeria Troll, si trova al Policlinico di Monserrato. Il motivo? “Ho il ginocchio della gamba sinistra dolorante, credo proprio che si sia fratturata dopo che son caduto, con lo scooter, in una buca a Quartu Sant’Elena. Ho chiamato per chiedere un’ambulanza, non ce n’era nemmeno una diaponibile”. Congia è tornato a casa, “ho preso l’auto e, nonostante i forti dolori, ho guidato sino al Brotzu. Lì era strapieno, allora sono arrivato sino a Monserrato. Dopo qualche ora un infermiere mi ha dato una carrozzina, ero dentro la mia macchina”. E, al suo arrivo, “mi hanno solo chiesto se fossi vaccinato e mi hanno misurato la temperatura. Dopo più di otto ore non mi è stato assegnato nessun codice”.
Congia è disperato: “Ho dolori forti alla gamba, nella sala d’attesa il personale mi ha detto che hanno decine di casi da seguire, molti sono di pazienti Covid, e non sanno quando arriverà il mio turno. Ho chiesto almeno la cortesia di avere un antidolorifico, non me l’hanno dato. Non so cosa ne sarà di me: mi visiteranno, mi ricovereranno? Un incubo”.


In questo articolo: