Caccia in Sardegna, il nuovo calendario venatorio tra le polemiche

Ecco come sarà la prossima stagione della caccia in Sardegna. Artrizzu: è una fucilata ai veri cacciatori

Il Comitato faunistico, presieduto dall’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, si è riunito per discutere il parere ISPRA e approvare definitivamente il calendario venatorio. Le principali date deliberate riguardano: la pre-apertura per la tortora nelle giornate del 3 e 6 settembre; l’apertura generale della caccia al 27 settembre e, a seguire, per tre mezze giornate il 4 e 11 ottobre; per la beccaccia, il Comitato ha confermato l’apertura al 15 di ottobre e utilizzato lo strumento della sovrapposizione della decade, consentito dalla normativa vigente, al fine di motivare la chiusura al 17 gennaio; per la cornacchia si chiederà un ulteriore parere all’ISPRA al fine di prolungare il prelievo alla prima settimana di febbraio; per gli anatidi si conferma la chiusura al 31 gennaio; per il tordo sassello e bottaccio è prevista la chiusura al 17 gennaio (termine massimo ai sensi della normativa vigente).
Per quanto concerne la caccia al cinghiale, il Comitato su proposta dell’assessore Spano ha confermato la chiusura al 31 gennaio nelle giornate di domenica e festivi infrasettimanali.
Relativamente alla previsione di consentire la caccia “grossa” il giovedì, il Comitato ha discusso delle problematiche dei danni alle coltivazioni e della gravità della situazione sanitaria causata dalla peste suina africana. Si è preso atto dell’esigenza di un approfondimento ulteriore e della necessaria condivisione della regolamentazione venatoria. Inoltre, è stato deciso che l’argomento dovrà essere oggetto di un approfondimento congiunto tra l’Unità di progetto e gli Assessorati competenti (Sanità, Agricoltura e Ambiente) per presentare al Comitato una rigorosa proposta in tal senso.
A fine riunione si è tenuta la presentazione del provvedimento sull’eradicazione della peste suina nei cinghiali. 
Questo il commento su Fb di Ignazio Artizzu: “Se le notizie che mi giungono, informali e incomplete, dal CFR dovessero essere vere, sarebbe la seconda fucilata consecutiva che i cacciatori ricevono. Per non parlare della condanna a morte degli armieri, decisamente mal rappresentati. Ma questa volta non mi si venga a dire che li ha traditi l’inesperienza, o che e’ colpa dell’Ispra, o del destino cinico e baro, o dell’allineamento astrale”. 


In questo articolo: