Buono sconto inutilizzabile, migliaia di cagliaritani beffati su Ebay

Migliaia di persone hanno fatto acquisti online confidando in uno sconto di 70 euro di cui non potranno mai usufruire

La beffa corre sul web, stavolta attraverso uno dei siti di vendita più cliccati al mondo.

Sono migliaia i cagliaritani e i sardi che in questi giorni si sono visti assegnare un buono sconto su Ebay da utilizzare per la spesa online. L’importo dello sconto non era male: ben 70 euro, entro il 9 febbraio 2016. In tanti hanno approfittato per procedere all’acquisto (con solo circuito PayPal, come previsto dalle condizioni d’uso) ma all’atto del pagamento lo sconto non è stato applicato.

Non solo, a distanza di qualche ora una nuova mail di scuse – stavolta – è arrivata agli utenti: “Chiediamo scusa” specificava “Le è stato inviato per errore un buono sconto che non può essere riscattato”. Peccato però che in tanti avessero già provveduto ad acquistare. Una beffa, insomma.

In tantissimi in queste ore stanno chiamando le associazioni a tutela dei consumatori per capire come comportarsi.

Da parte sua il famosissimo gestore di inserzioni di vendita online precisa che chi ha tentato di riscattare il buono sarà contattato via mail nei prossimi giorni.

Intanto Pierpaolo Cassoni, coordinatore regionale di Forza Italia Giovani denuncia:

“Ebay, il più grande sito di E-commerce in Italia con oltre 45 milioni gli articoli in vendita online in ogni momento, suddivisi in oltre 7000 categorie e milioni di utenti italiani iscritti, questa volta l’ha combinata proprio grossa illudendo potenzialmente ogni singolo utente.
Tra martedì sera e ieri mattina infatti il colosso internazionale ha spedito agli utenti un buono sconto di 70€ da utilizzare su 100€ di spesa minima pagando con paypal, il sistema di pagamenti di garanzia creato dallo stesso sito di vendite. Migliaia di persone si sono affrettate a cliccare compra sui prodotti impegnandosi, secondo le regole de ebay , a perfezionare l’acquisto e completare il pagamento. Con un solo problema, quando procedevano ad inserire il codice coupon questo non funzionava. “Un semplice problema tecnico del sistema che stiamo provvedendo a risolvere, il coupon è valido”, sono state le risposte delle operatrici del callcenter. Peccato poi che in tarda serata sia seguita un’altra mail da parte della società, questa volta di scuse e la scritta non lasciava spazio a interpretazioni “il coupon è stato frutto di un errore, quella mail non sarebbe mai dovuta partire. Scusateci per il disagio ma non potrete utilizzare il vostro sconto”.

“Questo è quanto successo potenzialmente a decine di migliaia di giovani e meno giovani, anche sardi – dichiara Pierpaolo Cassoni – che adesso dovranno scegliere se perfezionare l’acquisto o chiedere ai venditori privati di annullarlo, esponendoli a gravi disagi e alla rimessa in vendita dell’oggetto”. “Un fatto che sarebbe troppo semplice definire come errore ma che necessità di ben più approfondite analisi per capire se esistono profili di frode e se Ebay sarà tenuta a rendere comunque lo sconto promesso a coloro che hanno ricevuto la mail senza poterne beneficiare”.
“Una sola cosa è certa – conclude Cassoni – ebay guadagna fino a 70€ per ogni transazione e paypal trattiene il 4% complessivo su ogni pagamento fatto. Ieri entrambe le società, da poco separate, si sono probabilmente letteralmente ricoperte d’euro a danno della povera gente e noi abbiamo intenzione di vederci chiaro. Stiamo contattando diverse associazioni di consumatori per preparare un’azione congiunta insieme!”


In questo articolo: