Brucia l’auto di un allievo carabiniere: 21enne nei guai a Iglesias

Il 21enne, che lo solo lo scorso aprile era già stato denunciato per delle scritte diffamatorie contro le Forze dell’Ordine di Iglesias sulla facciata del palazzo Comunale, si è visto notificare dai Carabinieri della Stazione di Iglesias la misura cautelare dell’obbligo di residenza

Nella prima mattina del 4 maggio 2019 i carabinieri della Compagnia di Iglesias sono intervenuti presso l’abitazione di Gabriele Steri, 21enne pregiudicato con alle spalle anche un arresto per tentato omicidio quando era ancora minorenne: è stato lui, lo scorso 12 maggio a bruciare la macchina di un Allievo Carabiniere, colpevole solo di indossare la divisa. Gli accertamenti sono partiti la notte stessa e già dopo poche ore si è risaliti all’identità dell’indagato: il riserbo delle indagini ha richiesto di attendere l’esecuzione della misura cautelare.

Steri, alle 22 circa del giorno 11 maggio, aveva notato il giovane Allievo mentre parcheggiava la macchina in Piazza Sarigu prima di fare rientro all’Istituto di formazione militare: già noto in città per la sua avversione per l’uniforme, l’indagato ha deciso di compiere il danneggiamento in quel momento. È tornato nel parcheggio alle ore 00:03 circa, in bicicletta, per dare alle fiamme la Fiat Punto proprietà del militare; sono state decisive, ancora una volta, le telecamere di videosorveglianza del Comune e questa volta anche della stessa Scuola Allievi Carabinieri, dal momento che Steri abita proprio davanti all’istituto militare. Il 21enne, che lo solo lo scorso aprile era già stato denunciato per delle scritte diffamatorie contro le Forze dell’Ordine di Iglesias sulla facciata del palazzo Comunale, si è visto notificare dai Carabinieri della Stazione di Iglesias la misura cautelare dell’obbligo di residenza nel Comune di Iglesias ed il divieto assoluto di uscire di casa dalle 21:30: alle 07:00 del mattino.


In questo articolo: