Brotzu, la quiete dopo la tempesta: “In arrivo le intese per i pagamenti dei festivi e per gli incarichi”

La soddisfazione dei sindacati dopo il vertice con la direttrice del Brotzu: Siamo soddisfatti per la volontà di aprire nell’immediato il tavolo della
contrattazione e poter definire tutti i miglioramenti economici, della sicurezza e organizzati a beneficio dei lavoratori e dell’utenza”

La quiete dopo la tempesta: dopo l’ordinanza del Giudice del lavoro che ordina l’inserimento dei sindacati esclusi nella delegazione trattante, il Direttore Generale  del Brotzu Agnese Foddis convoca i sindacati.

Gianfranco Angioni (USB Sanità), Diego Murracino (Nursing Up) , Fabrizio Anedda (Nursind) questa volta possono esprimere soddisfazione: “Siamo soddisfatti per la volontà di aprire nell’immediato il tavolo della
contrattazione e poter definire tutti i miglioramenti economici, della sicurezza e organizzati a beneficio dei lavoratori e dell’utenza. Dopo aver illustrato la bozza del nuovo regolamento di valutazione degli incarichi e del personale del comparto, abbiamo rappresentato le diverse e urgenti tematiche, in primo luogo la richiesta di procedere spediti sulle stabilizzazioni e l’ incremento del fabbisogno del personale di tutte le
figure professionali sanitarie, tecniche e amministrative. Abbiamo richiesto di poter pagare la produttività del 2022, le fasce economiche, il pagamento a regime dello straordinario e delle pronte disponibilità. Abbiamo inoltre fatto presente che è necessario dare delle direttive perentorie al fine di poter predisporre i turni in aderenza al CCNL che individua in 36 ore il debito orario settimanale e garantire la tracciabilità degli atti relativi alla richiesta di permessi a vario titolo presentate dai dipendenti. Abbiamo voluto farlo per la richiesta delle verticalizzazioni e per la predisposizione dell’organigramma per il conferimento degli incarichi, per lo stesso abbiamo puntualizzato che dev’essere propedeutico alla pubblicazione degli avvisi di selezione. Il confronto è durato diverse ore e si è svolto in un clima sereno e costruttivo. Il Direttore Generale accogliendo appieno le nostre richieste ha preso l’impegno di poterci convocare in tempi brevi per poter aprire la fase negoziale allo scopo di poter definire la ripartizione delle risorse economiche per remunerare i diversi istituti contrattuali: pronta disponibilità, straordinario, turni notturni, incarichi e l’indennità di pronto soccorso e di emergenza urgenza.

A margine dell’incontro, il Direttore del personale dottoressa Maria Teresa Garau ha risposto alla nostra richiesta di pagamento delle fasce economiche, precisando che per poterle retribuire si aspetta il parere positivo da parte della ragioneria e che nella stessa giornata avrebbe inviato una nota di sollecito. Per il pagamento dei festivi infrasettimanali, un altro punto importantissimo messo da noi in discussione e a cui il direttore del personale ha dato riscontro, ha fatto presente che per il 2023 verranno messi a pagamento. Questo purtroppo, ha riferito, non avverrà per i festivi infrasettimanali pregressi che verrano pagati contestualmente alla comunicazione del parere positivo da parte della Regione”, concludono i sindacati.


In questo articolo: