Bracconieri in azione a Quartu e Maracalagonis, sequestrate maxi reti per catturare gli uccelli

Gli interventi in via delle Dalie a Quartu e nella zona di Lianu a Maracalagonis. Le reti erano pronte per la cattura. Trovata la carcassa di un tordo bottaccio

L’intervento è scattato ieri a Quartu S, nell’ambito del “piano nazionale per il contrasto agli illeciti nei confronti degli uccelli selvatici nella Sardegna Meridionale”, carabinieri del Raggruppamento Cites – Reparto Operativo “Soarda”. Alle ore 10 circa, in prossimità di via delle Dalie, all’interno di un uliveto, durante un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione e repressione di reati venatori, i militari hanno accertato la presenza di una rete da uccellagione, delle dimensioni di 3 metri x 1,5m circa, posizionata tra due ulivi, tesa ed pronta per la cattura di volatili. Veniva poi perlustrata l’area circostante ma non sono state rinvenute ulteriori reti e/o altri mezzi non consentiti per la cattura degli uccelli. Vista la flagranza di reato si è proceduto alla rimozione della rete ed al conseguente sequestro penale della stessa.

Qualche ora dopo nel Comune di Maracalagonis, in località “Lianu”, durante un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione e repressione di reati venatori, carabinieri dello stesso Raggruppamento, mentre percorrevano un sentiero montano in un’area boscata rilevavano, posizionata tra due alberi, una rete da uccellagione 3×2 metri tesa ed atta alla cattura. Nell’avvicinarsi con discrezione hanno potuto osservare che all’interno della stessa vi era catturato un esemplare morto di tordo bottaccio (turdus philomelos). I militari prendevano a perlustrare tutta l’area circostante per verificare se vi fossero posizionate nei pressi ulteriori reti o altri mezzi vietati per la caccia, con esito negativo. La rete è stata rimossa e sequestrata, mentre la piccola carcassa del tordo bottaccio è stata distrutta mediante sotterramento.


In questo articolo: