Botellòn in viale Sant’Ignazio, Pd: “Puliscano gli studenti”

C’è un fenomeno che mette in cattiva luce gli studenti fuori sede e la città: la festa spontanea a base di alcolici del sabato sera nei giardini di viale Sant’Ignazio che lascia sul posto bottiglie, cartacce e spazzatura. Rodin, Pd:”Sarebbe un bel segnale se le associazioni studentesche andassero a pulire il giorno dopo”

C’è un fenomeno che mette in cattiva luce gli studenti fuori sede e la città. È il botellòn. La festa spontanea a base di alcolici (importata dalla Spagna) che si svolge saltuariamente il sabato sera nei giardini di viale Sant’Ignazio. Un’area verde della città che la domenica mattina si risveglia coperta di bottiglie, cartacce e spazzatura.  

E Fabrizio Rodin, capogruppo del PD in Consiglio comunale e vicesindaco della Città metropolitana, alla commissione Patrimonio di stamattina, ha lanciato un appello ai rappresentanti delle associazioni studentesche: “Perché le associazioni non vanno a ripulire la domenica mattina in viale Sant’Ignazio? Sarebbe un bel segnale dato alla città”.

Anche Filippo Petrucci, Rossomori ha bollato come “schifezza” l’abbandono sul luogo della spazzatura dopo il botellòn. Gli studenti si son difesi. Intanto perché non sempre sono organizzate in ambito universitario. Oltretutto si tratta di manifestazioni spontanee, organizzate in breve tempo tramite passaparola (anche su facebook) e difficili da gestire.